Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 26 settembre 2018

Arrestato tre volte
in meno di un mese
per furti e rapina

Una delle spaccate compiute dalla banda

SCHIO. Un uomo è stato arrestato con l'accusa di rapina, furto e resistenza a pubblico ufficiale, mentre altre due persone sono ricercate. Ancora una notte movimentata a Schio, dove i carabinieri sono intervenuti al Lucky Bar di via Rovereto, in seguito alla segnalazione di un cittadino, cogliendo sul fatto tre individui intenti a compiere un furto. 

 

Alla vista della pattuglia due dei malviventi si sono dati alla fuga, mentre un terzo si era attardato all'interno del locale per arraffare gli ultimi pacchetti di sigarette. Inutile il tentativo dell'uomo di fuggire a piedi, dopo aver scaraventato a terra uno dei militari. Il malvivente, Alexei Garaba, 21 anni moldavo domiciliato a Schio e volto noto alle forze dell'ordine, è stato comunque raggiunto e bloccato. Per lui sono scattate le manette, per la terza volta in meno di un mese. Lo scorso 17 agosto il giovane era stato arrestato a Thiene per il furto di un'auto, mentre il 5 settembre era finito in manette per una doppia spaccata in centro a Schio.

 

In seguito agli accertamenti è emerso che la banda poco prima aveva compiuto un furto all'interno di un'abitazione della frazione di Poleo, riuscendo ad impossessarsi di orologi, cellulari, monili in oro e delle chiavi della macchina dei proprietari, una Fiat Sedici utilizzata poi per l'assalto al bar-tabaccheria. 

 

Il 21enne dovrà ora rispondere dell'accusa di rapina, furto in abitazione e resistenza a pubblico ufficiale ed è stato trasferito al carcere di San Pio X a disposizione della magistratura. Tutta la refurtiva recuperata è stata riconsegnata ai legittimi proprietari. Proseguono intanto le indagini dei carabinieri per risalire all’identità degli altri malviventi.