CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.11.2017

Masso in strada, colpita un’auto

Il masso staccatosi dalla collina lungo la provinciale ValdiezzaTransennata la parte interessata dallo smottamento. NICOLI
Il masso staccatosi dalla collina lungo la provinciale ValdiezzaTransennata la parte interessata dallo smottamento. NICOLI

Cade un masso nella notte sulla Provinciale Valdiezza a Sovizzo. E colpisce un veicolo parcheggiato lungo la strada in una piccola area di sosta di fronte ad alcune abitazioni. Fortunatamente nell’auto, una Fiat Punto rossa, non c’era nessuno e non ci sono stati rischi nemmeno per i mezzi in transito sulla strada. Ma per il Comune ritorna la preoccupazione per la fragilità della zona collinare che fiancheggia il collegamento viario tra Sovizzo e Gambugliano dove negli anni, in particolare nel 2014, si sono verificati diversi movimenti franosi. Che hanno provocato, a fine gennaio di tre anni fa, anche la chiusura della strada.

ULTIMO EPISODIO. Ieri mattina per il proprietario della Fiat Punto, un 43enne residente in via Valdiezza, la brutta sorpresa appena uscito di casa, quando si è trovato davanti l’auto danneggiata nella fiancata posteriore e nel vetro, sfondato dal masso ancora lì, praticamente appoggiato alla ruota a lato del veicolo lungo la strada. Sono arrivati il comandante Luigi Martino e gli agenti della polizia locale dell’Unione Terre del Retrone, che hanno eseguito i primi rilievi, Vi.abilità e i tecnici del Comune, che hanno provveduto alla messa in sicurezza della Provinciale e alle prime verifiche del fronte collinare, area di proprietà privata, da dove è caduto il sasso. Il tratto stradale interessato dall’episodio è stato transennato, ma sulla Valdiezza si circola regolarmente. Al momento non sembrano esserci rischi di ulteriori movimenti franosi. È stata probabilmente la pioggia a far scivolare il masso. «Abbiamo effettuato sopralluoghi anche con il tecnico che segue l’aspetto versanti franosi - spiega il direttore generale di Vi.abilità Fabio Zeni - soprattutto per verificare che non ci siano ulteriori elementi in situazione instabile. Sembra trattarsi proprio di un distacco isolato. E comunque non è lo stesso punto interessato dalle altre frane».

PREOCCUPAZIONE. Resta alta l’attenzione dell’Amministrazione comunale. Negli anni scorsi, proprio considerata la fragilità del fronte collinare lungo la Provinciale, il sindaco Marilisa Munari aveva convocato i proprietari dei terreni delle colline che fiancheggiano la strada per richiamarli ad un senso di responsabilità nella manutenzione delle aree. «La preoccupazione è forte - spiega il primo cittadino - la caduta di un masso così, se dovesse finire sopra un veicolo in transito, metterebbe a rischio l’incolumità delle persone. Quell’area collinare lungo la Valdiezza nel Pat è segnalata proprio per la sua fragilità. Fortunatamente il sasso è caduto su un auto parcheggiata che non aveva nessuno a bordo. Abbiamo sempre tenuto monitorata la situazione con l’ufficio tecnico e la protezione civile e in collaborazione con Vi.abilità. Avevo già incontrato i proprietari dei terreni collinari perché negli anni ci sono state problematiche a monte, per quanto riguarda i movimenti franosi, e a valle per gli allagamenti. Avevo richiamato gli stessi alle loro responsabilità, anche nella pulizia dei fossati. Ora ci confronteremo di nuovo con Vi.abilità e ufficio tecnico per concordare un ulteriore monitoraggio dell’area tra pubblico e privato e un eventuale iter di intervento». L.N.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Si va verso la fusione di Sovizzo e Gambugliano per farne un Comune unico. Sei d'accordo?
ok