CHIUDI
CHIUDI

14.02.2019

Rondò, il ruggito del Leon fa litigare Lega e 5 Stelle

Nel rondò davanti alla Fiamm sarà posizionato il Leone di San Marco.  G.Z.
Nel rondò davanti alla Fiamm sarà posizionato il Leone di San Marco. G.Z.

Confermato: in mezzo alla rotonda della Fiamm, i cui lavori di realizzazione sono in corso, sarà posizionato un leone di San Marco. A ribadirlo il sindaco Milena Cecchetto in risposta a una interrogazione presentata dal consigliere del movimento 5 Stelle, Sonia Perenzoni. L’esponente di M5S, riprendendo la notizia anticipata dal nostro Giornale e la discussione che in seguito ha trovato ospitalità sui social, ha fatto le pulci all’amministrazione con 5 richieste. Vale a dire: «La notizia del posizionamento di una scultura raffigurante il leone marciano corrisponde al vero? Quale ditta locale realizzerà l’opera? Le spese sono a carico della collettività o di uno sponsor privato? A quanto ammonta la spesa per costruzione ed installazione? Per quale motivo non si è proceduto a un concorso di idee per decidere il tipo di scultura inserire nella rotatoria (sui social era stata avanzata l’idea di Villa Cordellina Lombardi, ndr)?». «Nessun altro monumento presente sul territorio di Montecchio - ha risposto confermando la notizia il sindaco Cecchetto - potrebbe riassumere il carattere di fiera appartenenza alla comunità veneta; il leone di San Marco è un simbolo di sintesi che nessun'altra struttura o elemento oggi Montecchio possiede, contrariamente a quanto si fa credere nell'interrogazione. Pur considerando che alcuni cittadini possano pensarla diversamente, non si può credere che il pensiero di pochi possa sostituirsi a quello di molti altri». Il leone marciano sarà dunque realizzato. «Trattandosi di un'opera in pietra - ha dichiarato il primo cittadino - ed atteso che il nostro territorio dispone di professionalità e capacità scultoree artigianali, la commessa non potrà non essere assegnata che a un artigiano montecchiano nel rispetto delle normative vigenti». Ufficializzato anche quanto costerà. «La spesa necessaria alla realizzazione e fornitura della statua, circa 5 mila euro, rimane a carico della collettività. Sponsor privati si sono fatti avanti, informalmente come persone private o come aziende locali, e sono stati presi in considerazione. Il loro apporto è in fase di valutazione». E al perché non si sia consultata la cittadinanza per decidere quale tipo di scultura inserire nella rotatoria, Cecchetto risponde: «Solitamente si consulta la popolazione quando gli amministratori rispetto a una problematica avvertono di non conoscere o di non saper interpretare la volontà degli elettori, oppure quando specifiche leggi lo prevedono. Ogni amministrazione comunale è chiamata a decidere in nome della popolazione. È in virtù di tale legittimazione che la presente maggioranza riconoscendosi nel mandato elettorale ha deciso di procedere optando per la statua del leone marciano ritenendo in tal modo di essere nel giusto nell’interpretare il sentimento di ogni cittadino di Montecchio Maggiore, di riconoscersi in un simbolo che da sempre ha significato, tra gli altri, tanti significati attribuiti anche prudenza, fermezza, impegno e laboriosità, forza d’animo, coraggio, generosità e non ultima la solidarietà». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Giorgio Zordan
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1