CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.04.2017

Ubriaco alla guida
non osserva l’alt
Inseguito e fermato

Pattugliamenti notturni dei carabinieri.  ARCHIVIO
Pattugliamenti notturni dei carabinieri. ARCHIVIO

Un furgone, con due marocchini a bordo, fugge all’alt dei carabinieri ma viene fermato poco dopo. Il conducente, ubriaco, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e non solo.

È accaduto nella notte tra lunedì e a martedì poco dopo l’1.30. Una pattuglia dei carabinieri della stazione di Montebello aveva predisposto un posto di controllo lungo la Regionale 11 in località Signolo. Alla vista di un furgone Ford Transit che viaggiava a gran velocità verso Verona i militari hanno intimato l’alt ma il mezzo non si è fermato proseguendo la sua corsa. Così la pattuglia, con il supporto di una pattuglia del radiomobile di di Valdagno, ha iniziato l’inseguimento del furgone che pochi chilometri dopo ha sbandato sbattendo contro un muro in via Borgolecco all’angolo con via Verdi.

Con il furgone bloccato dall’incidente, i due marocchini all’interno del mezzo hanno tentato la fuga prendendo a sportellate l’auto di servizio dei carabinieri che si era affiancata al Ford Transit. A quel punto i due sono stati fermati e identificati. Alla guida un marocchino, B.A. di 27 anni, residente ad Albaredo d’Adige, regolare, pregiudicato, con un tasso alcolemico di 2.09, quattro volte superiore al limite.

L’uomo è stato denunciato e sanzionato per guida in stato di ebbrezza, per non essersi fermato all’alt e per danneggiamento dell’auto di servizio dei carabinieri. Con lui un altro marocchino, A. S. di 31 anni, residente a Casale Monferrato in provincia di Alessandria, regolare, pregiudicato. Sul posto anche l’ambulanza del 118 che ha portato i due marocchini, rimasti feriti lievemente, al pronto soccorso dell’ospedale di Arzignano. L.N.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1