CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

08.09.2017

Si fingono degli agenti
e truffano un anziano

Anziano raggirato da finti uomini delle forze dell’ordine. ARCHIVIO
Anziano raggirato da finti uomini delle forze dell’ordine. ARCHIVIO

Si sono finti appartenenti alle forze dell’ordine e con una scusa sono riusciti a portar via 350 euro ad un anziano residente a Zermeghedo. La vittima dell’infido raggiro messo in opera da due uomini è stato un settantenne che l’altro giorno ha denunciato ai carabinieri di Montebello quanto gli era capitato poco prima. Nel pomeriggio di martedì, ha avuto modo di ricostruire l’anziano davanti ai militari dell’Arma nella locale stazione, un paio di individui con indosso delle finte divise forse con tanto di cappello dalla tipica foggia d’ordinanza, difficilmente distinguibili da quelle vere, si sono presentati nella sua abitazione. L’esatta ricostruzione del raggiro è ancora in corso, ma è probabile che i due si siano detti impegnati in un’operazione di contrasto alla falsificazione di denaro. All’anziano, gli uomini camuffati da agenti delle forze dell’ordine avrebbero quindi chiesto di consegnare le banconote che aveva in casa, per poterle controllare. Una volta ottenuto il denaro, però, si sono allontanati a bordo di un’auto, facendo perdere presto le loro tracce. Soltanto a quel punto, quando ormai era purtroppo tardi, il malcapitato settantenne si è accorto di essere stato ingannato. È possibile che i due responsabili avessero monitorato la zona nei giorni precedenti, cercando di individuare le abitazioni di persone più vulnerabili perché anziane e sole.

L’episodio ha fatto scalpore in paese tanto che l’Amministrazione comunale, impegnata nella prevenzione delle truffe, in particolare agli anziani e ai soggetti deboli, ha prontamente inviato un messaggio di attenzione attraverso il servizio informativo comunale alla cittadinanza.

«Si sensibilizzano i cittadini - è il testo dell’sms spedito dal Comune nella prima mattinata di ieri, appena avuto conferma dell’accaduto - a prestare attenzione alle persone non bene identificate che spacciandosi per forze dell’ordine o altro, tentano di entrare in casa. Per qualsiasi problema chiamare il 112».

«Quanto accaduto dimostra che nella prevenzione di questo tipo di truffe, che in genere colpiscono le persone più indifese, la guardia non va mai abbassata», commenta il sindaco Luca Albiero, che ha sottolineato l’impegno sul tema. «Anche per questo - spiega - è stato creato il servizio di invio dei messaggi, in modo da segnalare in tempo reale ai cittadini, tra le varie emergenze, quella dovuta al rischio di venire circuiti da truffatori che si aggirano per il paese. Inoltre, ancora a dicembre, in collaborazione con i carabinieri della compagnia di Valdagno, avevamo organizzato una riunione pubblica sulla prevenzione di questi reati».

Matteo Guarda
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1