CHIUDI
CHIUDI

10.01.2019

Due cani da caccia
morti in un pozzo
Un terzo salvato

Un intervento delle guardie zoofile
Un intervento delle guardie zoofile

MONTEBELLO VICENTINO.  Macabra scoperta, qualche giorno fa, a Montebello  Vicentino. Due giovani erano a passeggio con il loro cane vicino al castello quando hanno sentito flebili lamenti.

Il richiamo proveniva dall'interno dell'area recintata che protegge il castello: i due giovani hanno cercato un varco e raggiunto una zona utilizzata dall'acquedotto, dove si erge una vasca rettangolare in calcestruzzo. All'interno hanno scorto un cane da caccia vivo ma in grande difficoltà e altri due cani morti.

 

Senza esitazioni Alberto Frizzo, questo il nome del ragazzo, si è lanciato nella vasca per afferrare il setter, mentre la compagna ha chiamato i numeri di emergenza e, poco dopo, sono arrivati i volontari dell'Enpa di Arzignano. Il ragazzo, intanto, aveva pulito e scaldato Dik.

«Questo il nome all'anagrafe del setter, un bell'esemplare ma sfortunato in quanto, pur essendo stato intestato per soli 10 giorni a un cacciatore vicentino, questi lo ha ceduto a tempo di record ad un altro cacciatore di Isola Vicentina, che però ora è all'estero. Sentito telefonicamente ha ammesso che il cane non ce l'ha più da tre anni, l'ha ceduto a qualcuno ma non si ricorda a chi - ha spiegato Renzo Rizzi, capo nucleo Guardie Vicenza -. Ma che ci faceva un cane da caccia all'interno di una zona dove vige il divieto? E perché non è stato fatto il passaggio di proprietà se esiste un altro proprietario?  E come è finito nella vasca? Tutte domande alle quali le indagini delle nostre Guardie cercheranno di dare una risposta».

 

Il grosso del lavoro degli agenti zoofili si è sviluppato intorno al recupero delle due femmine di segugio che galleggiavano nell'acqua, morte da quasi tre mesi e oramai in avanzato stato di decomposizione. Fortunatamente le Guardie sono riuscite a leggere il microchip, il proprietario è risultato un cacciatore della zona che aveva denunciato lo smarrimento dei segugi. «A prima vista potrebbe sembrare trattarsi di incidenti - ha considerato Rizzi -  ma la domanda sorge spontanea: ma è mai possibile che tutti questi cani, anche in coppia, si lancino dentro al pozzo? Le indagini non si fermeranno, gli animali sono stati posti sotto sequestro, sul caso deciderà a breve la Procura. Si lavorerà anche su eventuali responsabilità del proprietario del pozzo che non ha provveduto a coprirlo e metterlo in sicurezza».

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1