CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

31.10.2017

Il vicesindaco
insulta sul web
i tifosi veronesi

L'immagine del post pubblicato su FB e poi rimosso.
L'immagine del post pubblicato su FB e poi rimosso.

MONTECCHIO. Scintille sull'asse calcistico Vicenza-Verona. Tutta colpa del post "colorito" pubblicato, e velocemente rimosso, del vice sindaco e assessore allo sport di Montecchio Maggiore, Gianluca Peripoli, in seguito alla vittoria dei nerazzurri al Bentegodi. Il vice sindaco scrive "bastardi veronesi", dopo la partita giocata con l'Inter. Ed esplode la polemica.

La frase non è piaciuta a diversi tifosi vicentini che hanno dimostrato la loro solidarietà ai "cugini" veronesi e con un gesto di fair play  hanno pubblicato sui social commenti non certo teneri nei confronti del vice sindaco di Montecchio, Gianluca Peripoli. Nel mezzo delle reazioni si è inserito anche il movimento politico Forza Nuova di Vicenza che in un comunicato scrive: "Non sono passate inosservate le dichiarazioni pubbliche del vice sindaco di Montecchio Maggiore, postate su Facebook poco dopo la partita Verona Inter, prima di venire modificate, dopo l'indignazione degli utenti sui social: "Inter Magica...che gioia doppia vincere a Verona...in casa dei bastardi veronesi".

"E' evidente che di fronte a simili affermazioni, il nostro movimento non può fare altro che chiedere le immediate dimissioni di Peripoli, vicesindaco ma ancor più assessore con delega allo sport - scrive Forza Nuova -. Nonchè le scuse ufficiali alla città di Verona. Chiediamo un intervento immediato del sindaco e l'immediata rimozione di una persona che con la pessima uscita di ieri sera, ha dimostrato di non conoscere affatto i valori dello sport, venendo meno al suo ruolo istituzionale e infangando l'immagine di Montecchio Maggiore, da sempre città civile e profondamente sportiva". 

Anche una parte del mondo sportivo di Montecchio si è dissociata dall'assessore dello sport della città. L'A.S.D. Montecchio Futsal Team ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook. "Vogliamo dissociarci da quanto espresso in modo così becero e inappropriato da Gianluca Peripoli, soprattutto per il fatto che lo stesso ricopre la carica di assessore allo sport della nostra città. In un periodo in cui le polemiche sul "razzismo da stadio" sono all'ordine del giorno, uscite infelici del genere da parte di una carica istituzionale non possono essere semplicemente considerate "battute goliardiche" come poi si è giustificato Peripoli. Riteniamo che le istituzioni e i cittadini di Montecchio non meritino di essere rappresentati in questo modo, e soprattutto riteniamo che Verona i veronesi e tutti gli amanti dello sport non meritino di essere trattati pubblicamente in questo modo. Riteniamo, dunque, di doverci scusare con i tanti amici di Verona che ci hanno segnalato la cosa e che sono rimasti scioccati e toccati da tutto ciò".

Peripoli, dal suo canto, prima di rimuovere il post, aveva cercato di smorzare i toni scusandosi della frase "colorita" usata.

 

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1