CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

22.08.2018

Chiesa chiusa per lavori Servono 440 mila euro

Con la celebrazione della messa dell’Assunta si sono chiuse al culto le porte della chiesa di Madonna dei Prati. La struttura necessita di alcuni lavori urgenti di restauro e di messa in sicurezza: «Chiudiamo la Chiesa per la sicurezza dei fedeli – precisa don Giampaolo Marta che assieme a don Sergio Badin segue l’unità pastorale di Brendola -. Recenti verifiche al tetto rendono necessari alcuni interventi. Il prezioso soffitto a cassettoni sarà coperto con un controsoffitto perché non venga danneggiato, prima di procedere con i lavori». «Il tetto è la parte che necessita con urgenza di un ammodernamento – spiega il parroco – ma anche la torre campanaria avrebbe bisogno di lavori e dovrebbe essere rimosso il cemento dalle pareti esterne che non permette alle mura di respirare. Il costo complessivo preventivato è di 440 mila euro, di cui, solo per il tetto, circa 280 mila: stiamo cercando di accedere a vari fondi». I lavori sul tetto «partiranno dopo il parere della Soprintendenza, forse a settembre. Chiudiamo la chiesa per garantire la sicurezza, ma non interrompiamo le celebrazioni della domenica e del mercoledì, che faremo nell’attiguo porticato». La direzione dei lavori sarà affidata all’arch. Stefania Maggio, la ditta è la stessa che pochi anni fa aveva eseguito altri interventi di restauro della chiesa che risale al 1600. «Ci auguriamo che arrivino fondi statali o da altri enti – conclude don Marta – perché la cosa migliore sarebbe aprire un unico cantiere per risolvere tutti i problemi». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

I.BER.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1