CHIUDI
CHIUDI

19.02.2019

Via al cantiere da aprile per il campo da calcio

Il campo da calcio inaugurato nel 2003 non è più omologato. ARCHIVIO
Il campo da calcio inaugurato nel 2003 non è più omologato. ARCHIVIO

«Il primo aprile potrebbero iniziare i lavori per il nuovo campo da calcio di Lerino. Non è uno scherzo, ma la realtà».Lo afferma Ernesto Ferretto, sindaco di Torri, che l’altra sera in giunta ha approvato il progetto definitivo del rifacimento del campo da calcio utilizzato dalla società Le Torri Bertesina, presentato dalla ditta bergamasca che ad inizio febbraio si è aggiudicata il bando dei lavori. «A presentarsi al bando - spiega Ferretto - è stata una associazione temporanea di imprese, che ha già lavorato con la Lega dilettanti e proprio dalla Lega attendiamo il parere sul progetto, ma ci aspettiamo che sia tutto a posto. Realisticamente i lavori potranno iniziare in aprile. Per l’intervento è prevista una durata di sette settimane, in tempo per averlo pronto e omologato per le competizioni di agosto». Ad aprile i campionati saranno ancora in corso, ma già da tempo la società è corsa ai ripari. «Fortunatamente abbiamo costruito un ottimo rapporto con le società limitrofe, che ringrazio per la disponibilità che ci stanno dimostrando - spiega il presidente Massimo Tosetto -. Tramite l’assessore allo sport siamo in contatto con la parrocchia di Torri e con il circolo Noi di Lerino per avere a disposizione i campi, oltre a quello di Bertesina, per gli allenamenti. Per le partite, invece, utilizzeremo il campo di Bertesina, e abbiamo ottenuto disponibilità anche per il campo di Montegalda e per quello di Grisignano». L’importo previsto dei lavori è di circa 1,8 milioni euro, finanziati tramite un leasing. Il Comune verserà un canone annuale alla ditta che realizzerà il campo e ne gestirà la manutenzione, oltre al completo rifacimento del manto erboso tra una decina d’anni. Allo scadere della durata del leasing, il Comune tornerà ad essere proprietario della struttura. Quello di Lerino è stato uno dei primi campi in sintetico realizzati in Veneto, nel 2003. Ma i criteri utilizzati 15 anni fa non sono più riconosciuti validi dalla Lega. Un fatto che ha causato un primo aumento di spesa, rispetto ai 545 mila euro iniziali. Attualmente il campo, sotto al manto erboso ha uno strato di asfalto, materiale che non può più essere utilizzato e che dovrà essere rimosso. Il materiale ricavato potrà essere riutilizzato per regolare le pendenze. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.FR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1