CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.01.2018

Vent’anni di incidenti, ora arriva il rondò

Fra via Chiesa e via Parmesana verrà realizzata prossimamente una nuova rotatoria. FOTO DI REPERTORIO
Fra via Chiesa e via Parmesana verrà realizzata prossimamente una nuova rotatoria. FOTO DI REPERTORIO

Giulia Armeni Vent'anni di incidenti, almeno uno all'anno, sempre nello stesso difficile e pericoloso punto: l'incrocio lungo la strada provinciale 42 tra via Chiesa e via Parmesana, a Cavazzale di Monticello Conte Otto. Due decenni di botti e feriti, più o meno gravi, per arrivare finalmente alla rinegoziazione dell'accordo tra Comune e Provincia che, di fatto, apre la strada all'iter progettuale per l'attesa rotatoria. Un intervento previsto da tempo e a lungo inserito nel programma pluriennale delle opere redatto da contrà Gazzolle ma che poi, per mancanza di un punto d'incontro tra le parti, era stato tolto dalla pianificazione monticellese, dove è invece rientrato con l'approvazione dell'ultimo documento triennale 2018-2020. Ad annunciare con soddisfazione la risoluzione positiva della vicenda burocratica è il sindaco di Monticello Conte Otto Claudio Benincà, per anni impegnato nella non facile trattativa che ha permesso, infine, lo sblocco della situazione. «Con la firma della nuova convenzione con la Provincia, siamo riusciti a portare a casa un'opera fondamentale per il nostro territorio, che andrà a mettere in sicurezza uno snodo delicatissimo, dove negli anni si sono verificati numerosi incidenti». Proprio a sostegno della causa rondò, Benincà ha raccolto i dati relativi ai sinistri lungo via Parmesana, incrociando verbali di polizia e carabinieri e ottenendone una media di «1 o 2 incidenti gravi all'anno, provocati dalla scarsa visibilità per chi si immette da via Chiesa». Criticità che la rotatoria, che sarà completa di marciapiedi, illuminazione, passerelle pedonali, andrà ad eliminare, probabilmente già con la fine del 2018. L'intervento è infatti inserito nel programma triennale 2018-2020 delle opere pubbliche appena approvato in consiglio, per un importo di 280 mila euro: 30 mila risultano già in deposito al Comune ( che finanzierà anche le somme rimanenti) e vincolati a questo scopo, 130 mila arriveranno dalla Provincia. «Adottato lo studio di fattibilità passeremo alla progettazione vera e propria, con l'obiettivo di arrivare alla realizzazione entro la fine del nuovo anno – auspica Benincà – dopo aver già ultimato la rotatoria di fronte al municipio che faceva parte del medesimo accordo con la Provincia». Oltre al rondò su via Parmesana, tra gli interventi già coperti finanziariamente (nessuna alienazione è stata messa in agenda per il 2018) e da far partire nei prossimi mesi figurano anche il miglioramento sismico della sede municipale, 211 mila euro e la riqualificazione di una porzione degli ex annessi di villa Bressan a Vigardolo, per 125 mila euro.Agli anni successivi, 2019 e 2020, i progetti più corposi, come il completamento degli impianti sportivi per oltre 1 milione di euro e dell'istituto comprensivo per 610 mila e la costruzione del famoso canale scolmatore Rio Storto, preventivato in 876 mila euro, oltre a manutenzioni stradali, sistemazione di via San Floriano, allargamento di via Spine, per un programma triennale delle opere da 4.744.955 euro. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1