CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.03.2017

Uccide un cane e fugge
ferendo anche la padrona

Sul posto anche un’ambulanzaI rilievi dell’incidente sono stati effettuati dalla polizia locale
Sul posto anche un’ambulanzaI rilievi dell’incidente sono stati effettuati dalla polizia locale

Ha investito e ucciso un cagnolino trascinando a terra la padrona che si è ferita a sua volta e non si è fermato a prestare i soccorsi. Per questo il conducente di una Mercedes è attivamente ricercato dagli agenti della polizia locale Unione Terre del Retrone.

Il fatto è accaduto ieri pomeriggio poco prima delle 17 a Creazzo, in via Molini. A quell’ora una donna di 50 anni, M.A.M., stava passeggiando con il suo cane di piccola taglia. A un certo punto l’animale, che era tenuto al guinzaglio, è sceso dal marciapiede rimanendo comunque vicino al ciglio stradale dove c’era la padrona.

In quel momento è passata una Mercedes classe B di colore argento che ha travolto il cane e lo ha trascinato per qualche metro. La donna che lo stava tenendo è stata anch’essa strattonata ed è caduta rovinosamente a terra mentre l’auto si allontanava.

Nulla da fare per l’animale, che è morto per le lesioni riportate, mentre la cinquantenne, sotto choc, se l’è cavata con alcune contusioni ed escoriazioni ed è stata medicata all’ospedale dopo essere stata soccorso dall’ambulanza.

Alcuni testimoni avrebbero riferito che all’interno dell’auto c’era una coppia e il conducente sarebbe stato un uomo. Pare anche che la vettura, dopo il primo impatto con il cane, abbia fatto retromarcia ma poi sia ripartita senza fermarsi.

Gli agenti della polizia locale Unione del Retrone, intervenuti per i rilievi, ora lanciano un appello per cercare testimoni che possano riconoscere il pirata.

Luisa Nicoli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1