CHIUDI
CHIUDI

06.02.2019

Raid di furti, sparita anche una Golf

Una delle abitazioni prese di mira dai malviventi durante il raid avvenuto l’altro giorno.   A.FR.Per i furti di Torri sono intervenuti i carabinieri.   ARCHIVIO
Una delle abitazioni prese di mira dai malviventi durante il raid avvenuto l’altro giorno. A.FR.Per i furti di Torri sono intervenuti i carabinieri. ARCHIVIO

Ladri in azione a Torri di Quartesolo. Sono almeno due le abitazioni visitate da ignoti nella notte tra lunedì e martedì in via Camisana e via Castellari. Le dinamiche sono le stesse: i ladri sono penetrati nelle abitazioni, cercando di arraffare quante più cose di valore si potevano trovare e in un caso è stata portata via un’auto. A trovarsi la casa messa a soqquadro è stata Maria Comito, residente al numero 61 di via Camisana. La “maestra Maria” come è conosciuta da tutti in paese visti i lunghi anni trascorsi come insegnante a Lerino, si trovava fuori dall’abitazione. «Maria ha trascorso da me la notte perché non si sentiva bene - riferisce al sorella della donna -. Al mattino abbiamo trovato la casa aperta e le stanze messe sottosopra. Ora non siamo in grado di dire se i ladri hanno portato via oggetti di valore, mia sorella è ancora molto agitata». Ad avvisare le donne del furto è stato un vicino, Pierantonio Centaro. «Al mattino, appena usciti di casa, ci siamo accorti che i balconi dell’abitazione erano aperti - riferisce il vicino -. Così abbiamo immediatamente avvisato la sorella della maestra Maria». Scoperto il furto, sono stati immediatamente contattati i carabinieri, che hanno effettuato un sopralluogo con una pattuglia. «Non sappiamo dire l’orario in cui può essere avvenuto il furto - commenta ancora il vicino della maestra Maria -. Dalle 11 si sera alle 7 di stamattina la casa era disabitata». È invece sicura dell’ora Cristina Lanaro, residente con il marito in via Castellari 11, una laterale di via Camisana. La “visita” dei ladri, in questo caso, è avvenuta attorno alle 4 del mattino «o poco dopo - riferisce la donna -. Ne sono certa perché ho sentito qualche rumore, ma ho pensato che si trattasse della vicina visto che è solita svegliarsi presto per andare al lavoro». Invece si è trattato anche in questo caso di professionisti del furto. «Sono entrati dal garage - racconta Cristina Lanaro - e da lì sono saliti in cucina. Qui hanno trovato il mio portafoglio e un anello che avevo posato la sera prima per fare dei lavori. È stata una sfortuna, perché nel portafoglio avevo qualche soldo in più del solito in vista di alcune commissioni che avrei dovuto fare, e di solito non è nelle mie abitudini nemmeno lasciare gli anelli in giro per casa». Ma quel che è peggio è stato il furto dell’auto del marito, una Volkswagen Golf. «I ladri hanno trovato le chiavi in cucina e una volta usciti di casa hanno fatto presto a capire a che auto appartenessero - riferisce la donna -. Ci siamo accorti del furto questa mattina e abbiamo immediatamente contattato i carabinieri, ai quali abbiamo fornito il numero di targa. In casa non abbiamo allarmi e non abbiamo sentito niente». Anche in questo caso la denuncia è stata raccolta dai carabinieri di Vicenza. Pochi giorni fa un’altra effrazione è avvenuta in un’altra zona di Torri, in via Bologna, in questo caso una laterale di via Roma. Qui nel tardo pomeriggio, verso le 18.30 secondo alcuni residenti, ignoti sarebbero entrati in un’abitazione rimuovendo un’inferriata. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrea Frison
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1