Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 23 settembre 2018

La “Sagra del Rosario” tra sacro e profano

Luigi Panato, Bruno Mioni e Ernesto Ferretto

«Sacro, profano e cultura». Sono questi gli ingredienti del successo della tradizionale Sagra del Rosario di Torri, secondo il responsabile del comitato organizzatore Luigi Panato. Ad un mese dall’inizio dell’evento, ce si svolgerà dal 4 al 9 ottobre, questa settimana il ricco calendario di iniziative è stato presentato al sindaco, Ernesto Ferretto. «Il sacro riguarda gli eventi religiosi, a partire dalla processione con la statua della Vergine che aprirà la sagra – prosegue Panato -. Mentre il “profano” sarà tutto quello che riguarda musica, gastronomia e altre iniziative ospitate dall’evento». Per la parte culturale, il “piatto forte” è rappresentato dalla mostra sulla Prima guerra mondiale, a cent’anni dalla conclusione del conflitto. A curarla sarà il Gruppo Alpini Torri Lerino, e l’inaugurazione è prevista per venerdì 5 ottobre alle 17. «La mostra sarà articolata in quattro sale – spiega Bruno Mioni, responsabile della attività culturali del Gruppo Alpini -. Racconterà del nostro territorio, delle donne rimaste a casa e dei nostri soldati. Il percorso attraverserà la ricostruzione di una trincea, tra fotografie, oggetti d’uso quotidiano durante il conflitto e cimeli storici. Ricorderemo i 260 giovani partiti da Torri per il fronte e i 68 che hanno perso la vita in battaglia. La mostra si concluderà tra i banchi di scuola, dove saranno esposti i temi scritti dai ragazzi delle scuole». Tra i principali appuntamenti in calendario vanno evidenziati la mostra “Torribrick”, che espone decine di costruzioni in mattoncini Lego e che sarà ospitata nell’ex palestra delle scuole medie a partire dal 6 ottobre. Non mancherà uno spazio dedicato alla solidarietà in favore dei popoli andini, con uno spettacolo di danza che spazierà dalle danze popolari venete al folclore delle Ande, in programma sempre il 6 ottobre. Il grande appuntamento con la gastronomia sarà l’anitra allo spiedo in piazza, domenica 7 ottobre mentre martedì 9 la festa si concluderà con la premiazione del concorso fotografico “Monumenti”. • © RIPRODUZIONE RISERVATA