CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

29.06.2018

Operaio colpito da una lastra Migliora ma resta ricoverato

L’esterno della ditta “Omis” di via Galilei a Sandrigo.  STUDIOSTELLA-CISCATO
L’esterno della ditta “Omis” di via Galilei a Sandrigo. STUDIOSTELLA-CISCATO

È stato sottoposto a un intervento chirurgico a un gomito l'uomo che mercoledì pomeriggio è stato colpito da una piastra metallica al braccio sinistro e all'addome mentre lavorava con una fresatrice nell'officina della ditta “Omis spa” di via Galileo Galilei 17 a Sandrigo. L'operaio, S.F., 44 anni residente in paese, nell'infortunio sul lavoro ha infatti riportato una frattura scomposta all'omero, mentre la violenta botta ricevuta all'addome non pare abbia provocato danni ad alcuno degli organi interni. L'uomo rimarrà comunque ricoverato all'ospedale “San Bortolo” di Vicenza ancora per qualche giorno perché, prima di dimetterlo, i medici preferiscono sottoporlo ad ulteriori accertamenti così da scongiurare ogni pericolo. L'infortunio è avvenuto mercoledì, attorno alle 15: l'operaio stava terminando alcune operazioni legate a un lavoro di foratura di una piastra metallica con l’utilizzo di un particolare macchinario utensile dotato di un vetro di protezione quando, all'improvviso, la fresatrice pare abbia riportato un'avaria e la piastra in lavorazione è stata scagliata contro il vetro rompendolo. L’oggetto è stato lanciato ed è finito addosso al 44enne che è stato prontamente soccorso da un collega. Sul posto sono intervenuti, oltre agli operatori del Suem, i tecnici dello Spisal di Vicenza e i carabinieri di Sandrigo per accertare l’esatta dinamica. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

S.D.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1