CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.10.2017

La sala parrocchiale
per la serata No Vax
Infuria la polemica

Una serata sul controverso e quanto mai attuale tema dei vaccini, un medico radiato di recente dall'ordine e supportato da un'associazione dichiaratamente anti vax e una sala pubblica di proprietà della parrocchia.

Gli ingredienti per la polemica ci sono tutti e, a fare da amplificatore alla preoccupazione e ai timori di decine di cittadini di Sandrigo, ci ha pensato anche questa volta il web. Attraverso i social network infatti si è sollevato, negli ultimi giorni, un gran polverone attorno all'incontro “Vaccini, un futuro senza malattie o malattie del futuro?”, organizzato per mercoledì 25 ottobre alle 20.30 in sala Arena, di proprietà parrocchiale appunto. Non appena hanno cominciato a circolare le locandine che pubblicizzano l'evento, in tanti si sono scagliati in particolare contro la scelta dei promotori, un gruppo di genitori del paese, di invitare, oltre a Ferdinando Donolato di “Corvelva”, il dottor Paolo Rossaro, conosciuto come il “dottor antichemio”, radiato a giugno dall'ordine dei medici di Padova.

E a chi, su Facebook, parla di “incontro fazioso”, “da denuncia” e di “sagra dell'ignoranza”, chiedendo perché sia stato concesso l'uso di uno spazio destinato ad iniziative culturali, replica uno degli organizzatori, Alessandro Guerra: «Il dottor Rossaro è ad ascoltare, abbiamo già 200 prenotazioni e la controparte la farà il pubblico, invitiamo tutti a venire per informarsi».

Prende le distanze dal seminario il sindaco Giuliano Stivan: «Il Comune non ha voce in capitolo, avremmo appoggiato una serata equilibrata, con entrambe le parti presenti ma non mi risulta sarà così». Si tengono lontani da ogni e accostamento, pro o contro l'iniziativa, tanto la parrocchia, quanto il comprensivo Zanella. A fare chiarezza sull'assegnazione della sala è Monica Matteazzi, dell'associazione Arena: «I locali sono a disposizione di tutti, pagando la tariffa. È stata chiesta e l'abbiamo concessa, nulla di più”. G.AR.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1