CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

21.10.2017

Campo vietato
Il M5S chiede
il ritiro
dell’ordinanza

Dopo la condanna sui social network e la partecipazione del capogruppo Diego Pozzato alla protesta pacifica di domenica scorsa, arriva l'atto formale del Movimento 5 Stelle di Sandrigo sull'ordinanza che vieta l'utilizzo del campo da calcio di via Da Ponte ai maggiori di 14 anni.

I grillini, minoranza in consiglio comunale, hanno infatti protocollato una mozione con cui chiedono all’Amministrazione il ritiro immediato del provvedimento.

Un'azione che era nell'aria fin dalla firma della misura straordinaria, lo scorso 10 ottobre, con cui il sindaco Giuliano Stivan ha disposto la chiusura dello spazio verde (non un campo da calcio regolamentare) alle persone sopra i 14 anni, colpendo in particolare le decine di richiedenti asilo ospiti al Ginia e al Canova che sfruttavano il luogo quotidianamente.

Citando i principi fondamentali della Costituzione i pentastellati sottolineano il carattere discriminatorio dell’ordinanza sulla base dell'età: «sappiamo bene come siano vietate tutte le forme di discriminazione, di razza, sesso, età e religione».

Secondo i grillini a rimetterci sarebbero soprattutto i residenti, con i ragazzi privati di una struttura e i genitori che, «per assurdo, non possono più accompagnare i bambini a giocare per non incappare in una multa».

La questione ha tenuto banco anche ieri sera per la partita di calcio a 5 tra le squadre di Schio SansPapier e Nafta Sandrigo, che ad inizio match hanno manifestato il dissenso al provvedimento con uno striscione. G.AR.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1