CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

05.07.2018

«Bravi e disponibili» Cinque alunni premiati

I cinque studenti che hanno ricevuto la borsa di studio. DELLAI
I cinque studenti che hanno ricevuto la borsa di studio. DELLAI

Non solo modelli di capacità e buon profitto nel loro percorso di studio, ma anche esempio di responsabilità e partecipazione ai problemi degli altri e della scuola stessa. Sono queste le doti dimostrate da cinque studenti dell’istituto comprensivo “Zanella” di Sandrigo, premiati con la consegna della borsa di studio “Seganfreddo”, giunta alla 33a edizione e celebrata nella palestra scolastica alla presenza del dirigente Martina Polo, di amministratori comunali di Sandrigo e Bressanvido e di un folto pubblico, composto in prevalenza da studenti e genitori, che hanno applaudito a lungo gli allievi meritevoli per il loro impegno e le loro storie. Il premio viene assegnato dopo un’apposita espressione dei rispettivi consigli delle classi terze, che hanno individuato fra i ragazzi che hanno frequentato la terza media non solo quelli bravi dal punto di vista del profitto, ma anche più disponibili e collaborativi nei confronti dei compagni e degli insegnanti, per avere dimostrato una maturità ed un senso di responsabilità particolari nell’assolvere ai loro doveri scolastici. Quest’anno l’ambito riconoscimento è andato a Rebecca Maria Valerio (della 3a A), Gloria Stefani (3a B), Matteo Fortunato (3a C), Abdoulaye Sarre (3a D) e Daniela Rigon (3a E). Il premio, diventato ormai una tradizione a Sandrigo, è stato istituito nel 1985 ed inizialmente era intitolato al professor Cebba, docente di educazione tecnica prematuramente scomparso. Esauritasi dopo nove anni la spinta iniziale, i fratelli Ferdinando, Giorgio e Mariangela Seganfreddo hanno voluto dare un seguito all’attività di beneficenza, mettendo a disposizione della scuola alcune borse di studio intitolate ai loro genitori Remigio Seganfreddo e Anna Crivellaro. In più i fratelli Seganfreddo hanno offerto dal 1996 al 2009 alla scuola un contributo, sempre intitolato ai loro genitori, finalizzato al potenziamento del laboratorio tecnico. Dal 2009, su consiglio del dirigente scolastico, questa somma è rimasta ma è stata indirizzata al laboratorio informatico dello stesso istituto “Zanella”. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Giordano Dellai
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1