Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 25 settembre 2018

Orti comunali al via Assegnati 4 terreni Richiesti altri lotti

L’area degli orti comunali

Gli orti urbani di Bolzano Vicentino sono operativi. Dopo le polemiche di qualche settimana fa, innescate dal gruppo di minoranza Bolzano Futura che denunciava lo stato di abbandono dell’area coltivabile realizzata dal Comune in via Cadorna, l’altra mattina il sindaco ha consegnato le chiavi degli orti ai quattro residenti selezionati tramite bando pubblico. Per l’occasione, l’area coltivabile è stata rimessa a nuovo e ripulita dalle erbacce. Alla consegna delle chiavi erano presenti il primo cittadino Daniele Galvan e il vicesindaco Giovanni Calgaro. «L’idea degli orti – spiega quest’ultimo – è nata quattro anni fa, insieme all’allora assessore ai lavori pubblici Gianluigi Feltrin (oggi capogruppo di Bolzano Futura, ndr), copiando quello che abbiamo visto in città europee come Parigi. Certo, una proposta del genere a Bolzano Vicentino rischiava di essere un flop, visto che siamo un paese agricolo e che gli spazi per fare l’orto non mancano». Per questo Calgaro considera un successo la gara per l’assegnazione. In tutto, hanno partecipato al bando sette candidati, di cui quattro si sono visti assegnare un appezzamento di terra. «Le altre tre richieste – spiega Calgaro – sono state respinte perché la documentazione era incompleta o perché arrivate fuori tempo massimo». Gli assegnatari hanno dichiarato di non essere imprenditori agricoli e di non possedere terreni coltivabili. L’area è suddivisa in nove appezzamenti e dispone di tre casette per gli attrezzi. I rimanenti cinque orti verranno assegnati con un nuovo bando che verrà pubblicato prossimamente. «Abbiamo già delle richieste», assicura Calgaro. • © RIPRODUZIONE RISERVATA