Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 16 novembre 2018

Minaccia il suicido
Trovato dai militari
«Mi avete salvato»

Tempestivo l'intervento dei carabinieri

MONTICELLO CONTE OTTO. Era partito dalla sua casa di Monticello Conte Otto all'alba di mercoledì. La moglie non lo aveva sentito uscire, ma appena si è svegliata ha trovato un inquietante biglietto lasciato dal coniuge, che le ha fatto temere il peggio. La signora ha chiamato immediatamente il 112, chiedendo aiuto: «Ho paura che mio marito voglia farla finita, vi prego aiutatemi a trovarlo». Le ricerche sono partite immediatamente.

 

Grazie alle informazioni fornite dalla moglie, i militari sono riusciti a costruire un quadro dettagliato dell’uomo, che ultimamente soffriva di stati depressivi. Alle 11 circa, i carabinieri del capitano Adriano Fabio Castellari, hanno raggiunto il vicentino a Campolongo, zona dove il telefono mobile era stato agganciato per l’ultima volta, poco tempo prima. L’uomo era ancora seduto sulla sua auto, parcheggiata nel posteggio della centrale idroelettrica sul Brenta, zona tristemente nota per il numero di suicidi già avvenuti. I militari l’hanno avvicinato con la massima cautela e delicatezza. Appena li ha visti è scoppiato in lacrime: «Mi avete salvato». È stato subito chiesto l’intervento dei sanitari del 118, che hanno provveduto al ricovero all'ospedale San Bassiano, dove il vicentino è stato sottoposto a specifiche terapie farmacologiche.