CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.06.2017

Ecocentro bloccato
da un anno
dall'oleodotto Nato

Il progetto per il nuovo ecocentro è fermo da un anno
Il progetto per il nuovo ecocentro è fermo da un anno

MONTICELLO CONTE OTTO. Un centro per la raccolta e il riciclo dei rifiuti moderno e tecnologico, aperto anche 24 ore su 24, meta di uscite didattiche per le scolaresche e in grado di servire un bacino di 25 mila persone.
L'ecocentro intercomunale di Monticello Conte Otto e Dueville, appunto, un progetto da oltre un milione di euro, il non plus ultra in fatto di conferimento e riconversione dei rifiuti che però, da più di un anno, è fermo in un cassetto alla fase preliminare.
Dopo la presentazione ufficiale nel marzo 2016 del piano per la nuova ricicleria che dovrebbe sorgere in via del Progresso a Cavazzale, tutto o quasi infatti sembra essersi fermato. A “bloccare” l'iter dell'opera che verrà finanziata e costruita da Soraris, seppur temporaneamente non ha dubbi il sindaco di Monticello Claudio Benincà, non un cavillo qualunque o semplici lungaggini burocratiche ma questioni di natura militare. La mancanza cioè, del via libera alla realizzazione da parte dell'aeronautica militare, titolare dell'oleodotto strategico che attraversa l'area industriale di Cavazzale. Benincà, che spiega di essere in attesa del rilascio dell'autorizzazione da mesi, conta comunque di dipanare la vicenda entro la fine dell'anno. I lavori, dunque, dovrebbero partire già dal 2018.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1