CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

02.01.2018

Va in scena il presepe con i borghi del paese

L’ormai famoso “Presepe di Rampazzo” quest’anno, si propone in veste completamente rinnovata. Se infatti dal 2005 la struttura di legno e cartongesso aveva rappresentato i borghi caratteristici di Rampazzo nei primi anni del 1900, da quest’anno rappresenterà invece la frazione di Camisano in tempi più attuali, vale a dire verso la metà del secolo scorso. Una decisione presa dal gruppo di volontari che, da più di un decennio, dedica non poco tempo all’allestimento di uno dei presepi più conosciuti del vicentino. «Era già da qualche anno che pensavamo di cambiare qualcosa - commentano i sei volontari, tutti residenti a Rampazzo -. Quest’estate abbiamo così deciso di organizzare il presepe in maniera diversa». Il nuovo progetto, disegnato da Graziano Gasparoni, non prevede più alcuni degli “edifici” storici, come l’ormai celebre torrone, sostituiti da nuove costruzioni, più simili a quelle degli anni Cinquanta; tutte, rigorosamente fatte a mano e in polistirene. «Pesa meno del cartongesso - spiegano -. Anche le circa 8 mila tegole, tutte fatte a mano, sono in polistirene. Ci abbiamo messo due mesi per allestirlo, lavorando almeno un paio di sere a settimana». Più di un centinaio invece le statue, alte circa una ventina di centimetri, alcune delle quali “animate” e curate nei minimi dettagli. Da apprezzare anche l’impianto di illuminazione, che offre al presepe un ciclo di luce “giorno notte” che va dall’alba fino al tramonto, nel giro di pochi minuti. Le visite libere al presepe sono iniziate domenica 24, giorno della vigilia di Natale, e proseguiranno fino a domenica 28 gennaio, tutte le domeniche e i giorni festivi dalle 10 alle 12.30 e nel pomeriggio dalle 14 fino alle 19. Si può osservare la natività anche tutti i sabati dalle 15 alle 19. Dalle 16, sempre durante i giorni festivi, sarà inoltre possibile prendere parte ad una visita guidata nella chiesa di Rampazzo, dove è custodita una pala del Tiepolo. • M.M. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1