Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 24 settembre 2018

Uccise la moglie
Per il giudice
era sano di mente

Mirko Righetto e la vittima, Nidia Lucia Loza Rodriguez

CAMISANO.  Mirko Righetto era in grado di intendere e volere quando uccise la moglie Nidia Lucia Loza Rodriguez. Lo ha stabilito la perizia psichiatrica sull’imputato effettuata dal professor Mauro Mauri di Pisa, incaricato dal giudice Barbara Maria Trenti. L’imprenditore di 48 anni sarà dunque chiamato a rispondere dell’omicidio avvenuto la sera del 12 aprile di un anno fa nella villetta in via degli Alpini a Camisano. Il processo, celebrato con rito abbreviato, si terrà il 12 giugno.