Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 20 settembre 2018

Presagi del delitto
nel libro scritto
dall'assassino

Mirko Righetto con la moglie Nidia Lucia Loza Rodriguez

CAMISANO. «Sangue, sesso, pastiglie, alcool e bugie non serviranno certo a rimandare l’inevitabile e per nulla intima apocalisse...» Parole che Mirko Righetto, l'imprenditore di 47 anni che lo scorso 13 aprile ha massacrato la moglie Nidia Lucia Loza Rodriguez con 35 coltellate, ha scritto in un romanzo pubblicato qualche tempo fa su un sito web con lo pseudonimo di Marco Redde. Frasi, assieme ai versi di alcune poesie, che riletti alla luce di quanto poi accaduto suonano come un triste e drammatico presagio