Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 25 settembre 2018

Incidente a tre, un uomo all’ospedale

Due dei tre mezzi coinvolti nello spaventoso incidente in via Piave. FOTO MARINIIl furgone si è miracolosamente fermato sul guard rail. MARINI

Marco Marini Forse un sorpasso azzardato, seguito da un violento scontro e da una carambola tra veicoli, con un furgone sbalzato addirittura oltre il guard rail. Sembra questa la dinamica dello spettacolare incidente che ieri, nel primo pomeriggio, a Quinto Vicentino, ha coinvolto tre mezzi lungo via Piave, fortunatamente (e miracolosamente) senza morti o feriti gravi. Era da poco passato mezzogiorno e i tre veicoli, un furgone Mercedes, una Ford e una Citroen C2, stavano percorrendo la strada di collegamento tra Quinto e la frazione di Valproto: viaggiavano tutti in direzione della rotatoria che collega via degli Eroi, via Monte Grappa e via Pontinovi. Le cause del sinistro sono ancora in fase di ricostruzione, ma sembra che a provocare l’incidente sia stato un sorpasso dell’autista alla guida della Ford, che ha cercato di superare il furgone. Come detto, non è ancora chiaro cosa sia accaduto esattamente: l’ipotesi più probabile, è che il conducente della Ford abbia calcolato male i tempi di sorpasso, “rientrando” nella sua corsia troppo tardi, centrando così sulla fiancata il malcapitato furgone. Il violentissimo botto ha sbalzato il van dalla carreggiata, facendogli oltrepassare quasi completamente il guard rail, con la parte anteriore del veicolo finita di circa un metro dentro il corso d’acqua adiacente, e con le ruote posteriori incastrate proprio sulla barriera stradale. L’uomo alla guida della Citroen, posizionato a poca distanza dietro alla Ford, dopo aver visto lo scontro, è riuscito ad evitare in un primo momento l’impatto con i due veicoli, frenando e sterzando bruscamente verso la sua sinistra, colpendo prima di striscio il muretto di un’abitazione, centrando poi in pieno nuovamente la Ford, che nel frattempo era carambolata al centro della sua corsia. «Abbiamo sentito una lunga frenata e poi una serie di botti - racconta una residente di via Piave, la cui casa è situata proprio di fronte al luogo del sinistro -. Abbiamo subito capito che si era trattato di un incidente perché questa strada è lunga e stretta, e qui le macchine purtroppo corrono sempre molto forte». Nonostante la serie di impatti, i tre conducenti sono riusciti ad uscire dai rispettivi mezzi con le proprie gambe, non senza però una certa difficoltà. «Andavo piano, ero ai sessanta con limite dei settanta, e la Ford ha provato a superarmi - commenta l’autista del furgone, un 22enne di Padova -. Non so cos’è successo di preciso, mi ricordo solo un botto fortissimo sul fianco sinistro. Mi sono ritrovato con il “muso” del furgone dentro l’acqua. Ho spalancato la porta e sono uscito. Mi sento vermente un miracolato». Ad avere la peggio è stato proprio il conducente della Ford, che è stato trasportato in ospedale da un’ambulanza del Suem (intervenuto perfino con l’elisoccorso) in codice giallo. Sul posto sono poi intervenuti i vigili del fuoco, la polizia locale che ha chiuso via Piave, la polizia stradale di Bassano per i rilievi ed infine tre carri attrezzi per portare via i mezzi coinvolti. La strada è stata riaperta al traffico poco dopo le 15. • © RIPRODUZIONE RISERVATA