CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

26.01.2018

Tracce di Lunardi portano al Brenta

Stephane Lunardi, il solagnese scomparso il 10 gennaioI carabinieri ieri mattina lungo le rive del Brenta
Stephane Lunardi, il solagnese scomparso il 10 gennaioI carabinieri ieri mattina lungo le rive del Brenta

Francesca Cavedagna Ripartono le ricerche di Stephane Lunardi, solagnese di 51 anni, dipendente comunale, scomparso due settimane fa dal posto di lavoro. I carabinieri del capitano Adriano Fabio Castellari, su disposizione della Prefettura, hanno riattivato le indagini sulle sponde del Brenta, grazie al prezioso contributo dei canoisti dell’Arma, che già dalle prime ore di ieri hanno setacciato, dalla posizione vantaggiosa delle acque del Brenta, tutte le sponde del fiume che costeggiano Solagna fino a Bassano. L’obiettivo è quello di non lasciare nulla di intentato. Nei giorni scorsi, i cani molecolari di alcuni volontari hanno trovato una traccia che potrebbe essere riconducibile a Lunardi, in una zona del Brenta che dista circa duecento metri dalla sua abitazione, percorso che potrebbe aver seguito il giorno della scomparsa. La speranza, ovviamente, è che il suo sia solo un allontanamento volontario; lo scrupolo dei carabinieri è quello di scartare ogni altra, più drammatica, possibilità. Anche per questo nel pomeriggio di ieri, ulteriori ricerche sono state effettuate dai sub dei vigili del fuoco di Venezia, che hanno scandagliato alcuni tratti del Brenta prima in gommone poi con alcune immersioni. Nonostante sia stata controllata un’ampia area del territorio, incluse le prese idriche delle centraline, i torrenti e le canaline di scolo, per ora dell’uomo non c’è ancora nessuna traccia. Le ricerche proseguiranno. Nessuna ipotesi è stata ignorata. I militari subito dopo la scomparsa hanno allertato anche i colleghi della capitale, dove l’uomo aveva detto che avrebbe voluto recarsi per far visita a Papa Francesco. Lunardi aveva anche manifestato il desiderio di raggiungere i parenti in Francia. Per ora però ancora nulla. Del caso si sta interessando anche il programma Rai “Chi l’ha visto?”, che ha mandato in onda più volte il suo identikit. La famiglia sta vivendo momenti di angoscia e supplica il congiunto di inviare almeno un messaggio, per rassicurarli sulle sue condizioni. Anche il paese di Solagna, dove l’uomo era molto conosciuto e benvoluto, non si rassegna alla sua scomparsa, chiunque vada a passeggiare cerca tracce del concittadino. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesca Cavedagna
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1