CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

29.09.2017

«Tentiamo il recupero
dei nomadi sbandati»

Il sindaco Luca Ferazzoli
Il sindaco Luca Ferazzoli

«Dopo gli iniziali dispetti e gesti di maleducazione verso i cittadini di Cismon, le azioni della banda di giovani nomadi si potrebbero aggravare con la configurazione di ipotesi di reato che stiamo verificando, anche grazie al prezioso appoggio delle forze dell’ordine. Metteremo in campo tutte le azioni possibili per tentare di recuperarli, se questo non dovesse bastare saremo costretti ad attivare la tutela minori».

Così il sindaco Luca Ferazzoli, in seguito all’allarme scattato in paese per la banda di nomadi minorenni che commettono ripetuti episodi di disturbo verso i residenti, prendendo di mira principalmente anziani e ragazzi. A far partire la denuncia è stato un caso particolarmente grave, che ha avuto come vittima un’anziana malata che vive da sola in un’abitazione prossima al centro storico.

La signora si è ritrovata l’uscio di casa imbrattato da escrementi lasciati dalla baby gang che l’aveva tartassata per ore suonando il campanello. Questo però è soltanto l’ultimo episodio. I residenti ormai esasperati hanno raccontato di continui atteggiamenti di disturbo. «Vanno al parco armati di coltello, defecano sul prato, insultano gli anziani, li spaventano a morte facendo finta di investirli in bici, hanno atteggiamenti aggressivi. Siamo esasperati».

I carabinieri di Solagna, hanno contattato i famigliari dei ragazzini anche per esortarli a controllare meglio i loro figli. Insieme a un deciso aumento dei controlli, l’Amministrazione ha messo in moto un piano trasversale. «Abbiamo attivato i servizi sociali e la scuola per mettere in atto azioni concrete a protezione dei cittadini - spiega Ferazzoli -, ma anche per recuperare questi ragazzini nomadi, innanzitutto verificando che frequentino con assiduità la scuola, poi attraverso un franco dialogo con le famiglie. Se ciò non fosse compreso, si tratterà di utilizzare una serie di elementi utili a risolvere il problema alla radice, in primis con l’attivazione della tutela minori». F.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1