CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.08.2018

Sui viadotti in Valle
i segni degli anni
che fanno paura

VALBRENTA. Inevitabile. Dopo la tragedia di Genova, con il viadotto autostradale crollato la vigilia di Ferragosto che ha ucciso 38 persone, senza contare gli automobilisti ancora dispersi, era inevitabile chiedersi come stanno le strade - quelle sopraelevate, in particolare - che attraversano il Bassanese. Era inevitabile poi partire dalla statale 47, costante oggetto di problemi cronici, più volte riportati dal Giornale di Vicenza: dalle asfaltature colabrodo, ai giunti dei viadotti staccati e taglienti che solo pochi inverni fa avevano fatto strage di pneumatici. Nulla, rispetto alla tragedia del ponte Morandi a Genova ma è chiaro che vi siano dettagli da non sottovalutare. Allora bisogna muoversi, andare sotto i ponti, verificare da vicino come stanno quei 30 chilometri di statale che attraversa la Valbrenta, da Pove fino a Primolano, al confine con il Trentino, dove la strada diventa all’improvviso un tavolo da biliardo, molto diversa dalla “gruviera” vicentina. In un controllo visivo dei piloni che abbiamo compiuto ieri sono emerse alcune problematiche importanti, le più gravi concentrate essenzialmente nel tratto di statale che attraversa la frazione di Primolano, in Comune di Cismon. 

Francesca Cavedagna
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1