CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

15.02.2017

Riconosce il ladro
grazie al video
sul sito del GdV

Caricamento in corso ...

POVE. «Il ladro nel video divulgato dalla vittima di un furto a Mussolente è lo stesso che mi ha guardato con aria di sfida sul cancello di casa mia, sono sicuro, l’ho riconosciuto. Sono quelli della banda della Fiat Punto blu». 

Ne è convinto Gianni Martini, residente in centro a Pove, vittima la scorsa settimana di due furti, uno riuscito l’altro solo tentato, durante il quale si è trovato a tu per tu con i banditi sul balcone di casa, alle cinque del pomeriggio, riuscendo a metterli in fuga. 

E ora ha riconosciuto uno dei ladri che compaiono nel video diffuso attraverso il sito web de Il Giornale di Vicenza da Marco Barichella, 45 anni, residente in via Eger a Mussolente: le telecamere dell'impianto di videosorveglianza installato all’ingresso della sua abitazione avevano immortalato un'intrusione avvenuta a metà dicembre è costata un bottino di quasi 20 mila euro. «Ecco i ladri - aveva commentato Barichella -, adesso sapete che faccia hanno, trovateli e denunciate ogni movimento sospetto».

Non appena ha visto il video sulla pagina web del nostro giornale, Martini non ha avuto dubbi. L’uomo ripreso nel video di Mussolente, che scavalca il cancello nella zona vicina alle telecamere della ditta, quello ripreso in modo dettagliato dalle immagini, è lo stesso che la settimana scorsa, insieme ai suoi complici, voleva mettere a segno un colpo nella sua abitazione. «Ho guardato e riguardato le immagini - commenta -, è lo stesso, si muove anche nello stesso modo. Quella faccia non la scorderei».

«Un po’ ho paura - commenta Martini -, ma credo anche che sia importante collaborare il più possibile, fare rete, in primis con le forze dell’ordine. Appena ho riconosciuto il bandito nel video l’ho comunicato ai carabinieri».

Francesca Cavedagna
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1