CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

05.04.2017

Lavori in ferrovia
Estate senza treni
lungo la Valsugana

La ferrovia all’altezza della stazione di San NazarioMariano Scotton (Forza Italia)
La ferrovia all’altezza della stazione di San NazarioMariano Scotton (Forza Italia)

Un’estate senza treni in Valsugana, nella migliore delle ipotesi fino ai primi di agosto. La linea Bassano-Trento resterà a secco di convogli da giugno ad agosto per consentire a Rete Ferroviaria Italiana di eseguirei lavori di manutenzione lungo la tratta.

Un bel problema, se si pensa che i mesi estivi sono quelli di maggior afflusso di visitatori nel nostro territorio, che viene preso d’assalto soprattutto dai cicloturisti provenienti dal Nord Europa, soliti a sfruttare i treni che fanno la spola dal Trentino al Bassanese. Anche perché in essi è garantito il trasporto bici.

A segnalare la chiusura della linea, confermata ieri da Trenitalia, è il consigliere bassanese di Forza Italia Mariano Scotton, che invita ora l’amministrazione comunale perlomeno ad approfittare dello stop per installare il nuovo ponticello ferroviario di San Vito, che manca oramai da più di due anni.

«Credo che non si possa perdere un’occasione simile per ridare alla cittadinanza una struttura fondamentale per la mobilità dei pedoni - afferma Scotton -. Le procedure per la gara d’appalto per il nuovo ponticello sono già partite, per cui ci sono le tempistiche per procedere con i lavori di montaggio della struttura quest’estate. Chiedo quindi all’Amministrazione e in particolare all’assessore alle opere pubbliche Roberto Campagnolo di non abbassare la guardia e di approfittare di questa opportunità. Adesso non ci sono davvero più scuse».

La chiusura della linea Bassano-Trento è dovuta alla necessità di eseguire dei lavori di rinnovamento dei binari presenti sul tratto Trento-Primolano. Nonostante le operazioni non riguardino quindi direttamente l’area Bassanese, Rete Ferroviaria Italiana ha deciso comunque di interrompere totalmente le corse da Bassano al Trentino.

Nello specifico, i lavori saranno suddivisi in due fasi. La prima durerà dall’11 giugno al 13 luglio e comporterà l’interruzione della linea fra Trento e Primolano. In tutta la tratta Bassano-Trento sarà predisposto dunque un servizio di bus sostitutivo. La seconda fase, che proseguirà fino ai primi di agosto, vedrà l’interruzione della linea tra Levico Terme e Primolano. Anche in questo caso, perciò, si potrà prendere il bus sostitutivo da Bassano a Levico, e viceversa. L’ultima parte della tratta sarà invece percorribile in treno.

«La sospensione delle corse sulla linea Bassano-Trento sarà sicuramente un brutto colpo per il turismo del nostro territorio - sottolinea Roberto Astuni, presidente degli albergatori di Bassano - anche perché il servizio di trasporto delle biciclette sui treni nell’ultimo periodo è stato potenziato, proprio per garantire ai turisti stranieri ogni comodità. L’importante è che ora venga predisposto un servizio di bus sostitutivo, in modo da non lasciare completamente sguarniti i collegamenti tra il Bassanese e il Trentino».

Enrico Saretta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1