CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.09.2018

«L'ho visto scivolare
nel vuoto senza
poter fare nulla»

Inutili i tentativi di soccorso
Inutili i tentativi di soccorso

POVE DEL GRAPPA. «L’ho visto scivolare via da me, senza poter far nulla. È stato un attimo, non avevamo fatto nulla di avventato, stavamo passeggiando su un sentiero percorso decine e decine di volte, e adesso mio marito non c’è più». A parlare è Patrizia Tosin, moglie di Roberto Forner, il perito chimico 61enne di Pove, contitolare di una ditta di Nove, deceduto nel pomeriggio di sabato, quando è precipitato in un canalone della località Finetron, sul monte Grappa, schiantandosi a valle dopo un volo di quasi 200 metri.

Tutto è avvenuto davanti agli occhi atterriti e impotenti della consorte. «Non stavamo andando a funghi - precisa Patrizia - Non ci siamo mai allontanati dal sentiero Cai, nemmeno di un passo - precisa la moglie -, stavamo camminando quando mio marito ha messo il piede su un tronco bagnato che si è rotto, l’ha fatto sbilanciare e cadere sul pendio che dà sulla Valbrenta. Ha cominciato a scivolare veloce verso la valle, c’erano solo foglie secche e sassi, nessun arbusto, nessun appiglio. Poi è sparito nel crepaccio».

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1