CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

23.03.2017

Il ritorno
della signora
a vapore

Caricamento in corso ...


CISMON.  Sta per tornare in Valbrenta la locomotiva a vapore, cuore e motore della ferrovia storica in fase di ultimazione negli spazi della vecchia rimessa di Primolano. Un trasporto eccezionale lungo quasi 400 chilometri, dalla provincia di Alessandria fino alla frazione di Cismon, fratello del viaggio che alla fine del 2014 l’aveva portata a Castelletto Monferrato per le minuziose operazioni di restauro, terminate giusto ieri. 
I permessi del trasporto da record stanno per essere messi nero su bianco dai soci della Società Veneta Ferrovie, titolari del progetto del treno a vapore della Valbrenta, per cui sono stati stanziati 1,6 milioni di euro, che vedrà questa nuova attrattiva turistica correre sulle rotaie che collegano Bassano al Trentino entro il prossimo anno. 
 
Di certo la locomotiva 880 001, del 1916, donata circa dieci anni fa alla Svf dai fratelli Marchiorello, fondatori e titolari delle Officine Stanga e di Cittadella (Padova), è il pezzo forte di questo grande progetto. Secondo le previsioni, la partenza dovrebbe essere confermata intorno alla metà della settimana prossima, se tutto andrà bene la "vecchia signora" a vapore dovrebbe toccare i binari della rimessa di Primolano nel week end. 
 

Francesca Cavedagna
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1