CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

15.10.2017

Coltiva
marijuana
Il volontariato
lo ha salvato

Era stato arrestato nel giugno dello scorso anno: coltivava marijuana in un garage. Dopo aver scelto la messa in prova, ha compiuto mesi di lavori di pubblica utilità come volontario, ed è riuscito a convincere il giudice Mantovani ad estinguere il reato. Mattia Zonta, 29 anni, residente a Romano in via Albere, è stato pertanto prosciolto.

Il giovane, difeso dall’avv. Gaeta, era accusato di produzione e detenzione di stupefacenti. Quando la polizia giudiziaria ha suonato al campanello di casa, era rimasto a bocca aperta. Non si aspettava una visita delle forze dell’ordine e quando erano state trovate le piantine di marijuana aveva ammesso le sue responsabilità. All’interno di un garage condominiale adibito a serra con l’installazione di lampade e un sistema di aerazione temporizzato, stava coltivando 7 piantine e 65 rametti di “cannabis indica”, per complessivi 400 grammi di marijuana, che erano stati sequestrati. Il pubblico ministero Blattner aveva ordinato le manette, che erano state convalidate; Zonta era tornato libero con l’obbligo di firma.

Nei mesi successivi, dopo aver raggiunto un’intesa con il tribunale, ha svolto attività di volontariato, ed ha espiato in questa maniera la sua pena.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1