CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.10.2017

Riqualificate le ex cave sugli argini del Brenta

I lavori nelle cave conosciute come  “ex cacciatori” a Cartigliano
I lavori nelle cave conosciute come “ex cacciatori” a Cartigliano

Un altro angolo del Brenta di Cartigliano restituito alla natura, dopo anni di abbandono.

L’intervento, del costo di 30.500 euro, è stato realizzato nella vasta zona fluviale a sud del territorio comunale, a mezzo chilometro dal confine con Tezze. «Questa zona che noi in paese conoscevamo come cave ex cacciatori (erano cave di ghiaia e inerti retaggio degli anni ’60 e primi ’70, ndr), non si presentava in modo omogeneo a causa di vecchi cumuli, oltre a una fitta vegetazione infestante – spiega il sindaco Guido Grego – L’obiettivo è stato quello di restituire a questa superficie l’aspetto di un vecchio prato stabile che rimarrà poi luogo per un ecosistema di flora e fauna».

Sin d’ora il sindaco annuncia che a breve si procederà con il secondo stralcio di lavori, che, seguendo il progetto dell’architetto Giuseppe Querini, prevede la piantumazione di alberi e la creazione di uno specchio d’acqua, di ridotte dimensioni (circa 2.000 metri quadrati con acqua derivante dal vicino Brenta), ma appunto adatto anche a ospitare volatili selvatici. L’area di proprietà comunale è al limite della zona golenale demaniale del Brenta, per gli interventi di riqualificazione è stato prima necessario bonificare i circa 30.000 metri quadrati da sterpaglie e rovi, che da tempo la facevano da padroni. Sono poi entrate in azione le macchine operatrici per le operazioni di rimodellazione orografica, non invasiva rispetto all’ambiente circostante che comprende la splendida zona delle Basse, con rogge e imponenti filari di grandi alberi lungo le sponde. È stata approntata una sgrezzatura generale dell’area, togliendo anche le componenti di vegetazione non ritenuta idonea per il luogo, a fronte di uno specifico studio con indagine botanica. Questo dell’amministrazione comunale del sindaco Grego è il secondo importante intervento lungo il Brenta, stavolta in una zona di campagna lontana dal centro.

L’anno scorso, invece, era stato realizzato un percorso con verde e attrezzature tipo percorso vita, vicino al centro di Cartigliano, nella zona del vecchio campo sportivo ancor oggi funzionante nell’area golenale, all’interno degli argini del Brenta. R.B.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1