CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

29.09.2017

Furto alla Pro loco, quattro denunce

Il magazzino Pro loco di Cartigliano nella barchessa di Villa CappelloIl sindaco Guido Grego
Il magazzino Pro loco di Cartigliano nella barchessa di Villa CappelloIl sindaco Guido Grego

Furto nel magazzino della Pro loco di Cartigliano: dopo una serrata indagine i carabinieri di Nove sono riusciti a incastrare la banda. Quattro ragazzi, tra i quali un minorenne, tutti residenti nel comprensorio bassanese, dovranno rispondere dell’accusa di furto aggravato in concorso. I fatti risalgono allo scorso 25 agosto, quando la banda ha agito nella sede dell’associazione a due passi dal municipio e dal centro del paese.

I ladri hanno raggiunto lo stabile di via Cappello nella notte. Sapevano che la sede era munita di un impianto di videosorveglianza, così hanno agito a volto coperto. Dopo aver forzato la porta d’ingresso hanno guadagnato l’accesso ai locali interni. Qui hanno fatto razzia di generi alimentari di vario tipo, taniche di gasolio, un computer e altre attrezzature in dotazione ai volontari. Il valore complessivo del bottino superava i 1500 euro, non coperti da assicurazione.

Per un po’ i malviventi hanno pensato che l’avrebbero fatta franca. Ma non avevano fatto i conti con la preparazione e la tenacia dei carabinieri di Nove, guidati dal luogotenente Davide Peruzzo. I militari in poco tempo sono riusciti a fare terra bruciata attorno alla banda. Sentendosi braccati, i ladri hanno tentato di rimediare, arrivando alcuni giorni dopo a riconsegnare parte della refurtiva a un commerciante del posto, che ha allertato subito i carabinieri.

Per ultimare il quadro relativo alla colpevolezza dei quattro, gli uomini dell’Arma, dopo aver analizzato nei dettagli le immagini delle videocamere di sorveglianza, hanno effettuato perquisizioni nelle abitazioni dei giovani. L’operazione ha consentito di trovare gli indumenti utilizzati dai ladri per mettere a segno il colpo. Questa prova ha permesso di chiudere le indagini, facendo scattare la denuncia per furto aggravato in concorso a carico della banda composta da due maggiorenni di nazionalità straniera residenti a Cartigliano e Rosà, un maggiorenne italiano di Tezze sul Brenta e un minorenne straniero residente a Bassano.

«L’attività dei Carabinieri di Nove, precisa e puntuale, assieme alla collaborazione del cittadino che avvisava prontamente di quanto era venuto in possesso, ha consentito la risoluzione dell’evento», ha commentato il capitano Adriano Fabio Castellari. Anche l’amministrazione comunale di Cartigliano ha espresso piena soddisfazione per il buon esito dell’indagine: «Speriamo che abbiano capito la gravità di quanto commesso e che mettano la testa a posto», ha dichiarato il sindaco Guido Grego.

Francesca Cavedagna
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1