CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.04.2018

La marcia
si conferma
Beata

MAROSTICA. Il sole si è fatto desiderare, ma l’appuntamento rimane tra i più attesi della stagione primaverile: la Marcia del Beato chiude anche quest’anno con numeri record che superano le 6000 presenze. La 43ma edizione della storica camminata andata in scena a Marostica ha fatto l’en plein di partecipanti che già dalla prima mattina si sono presentati al via in piazza Castello per avviarsi lungo i percorsi fra i paesaggi collinari. L’Associazione marciatori marosticensi può archiviare un’altra fortunata edizione, nonostante la minaccia del maltempo che ha fatto preoccupare gli organizzatori. «Alle 7 la giornata è stata inaugurata dalla pioggia – commenta il vicepresidente Fredy Pettenon – ma, fortunatamente, dopo una ventina di minuti ha smesso di cadere. Nonostante il cielo nuvoloso, le temperature erano buone e un fiume di marciatori ha invaso le nostre colline. Il maltempo di questa settimana ci aveva tenuto con il fiato sospeso, ma il sole di sabato ha asciugato il terreno consentendo così la buona riuscita della manifestazione». All’arrivo, sempre in piazza Castello, i marciatori hanno trovato ad accoglierli un ricco ristoro per recuperare le fatiche spese. Altri punti ristoro erano disseminati lungo i percorsi, sempre molto apprezzati dai partecipanti. Anche quest’anno i Marciatori marosticensi hanno voluto dare un tocco di novità alla storica marcia modificando il percorso più lungo da 21 chilometri per far scoprire ai visitatori nuovi paesaggi e scorci delle colline marosticensi: i giudizi sono stati positivi. L’itinerario più gettonato rimane quello da 7 chilometri, con numeri in salita, però, per quello più impegnativo da 13 chilometri. Anche questa edizione è stata segnata dalla presenza di molti gruppi arrivati da fuori provincia e dall’allegria dei bambini e ragazzi delle scuole dell’Istituito comprensivo, che assieme alla loro famiglie hanno trascorso una domenica mattina all’aria aperta. Tra i 73 gruppi che hanno preso parte alla marcia, alcuni sono arrivati da Modena, Verona, Brescia e dalla Val Gardena. Sul podio dei più numerosi è salito al primo posto il gruppo Laverda di Breganze, seguito dall’As Santa Croce di Bassano e dai Podisti Berici di Brendola. «Siamo soddisfatti dei risultati di questa edizione – conclude Fredy Pettenon – che confermano quanto la manifestazione sia diventata una tradizione anche per molti appassionati da fuori provincia. Il ringraziamento va alla presidente del nostro gruppo Luigina Bertacco e a tutte le associazioni di volontariato che ogni anno ci aiutano nell’organizzazione». •

Floriana Pigato
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il Bassanese sta perdendo importanza nelle dinamiche economiche e sociali del Veneto? In quali settori sono necessari gli interventi più urgenti?
ok