CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

25.12.2017

La maxitruffa
delle amiche
bisognose

La truffa è stata interrotta dai Carabinieri di Bassano
La truffa è stata interrotta dai Carabinieri di Bassano

BASSANO. Pensionato bassanese truffato da due romene. Nel giro di poco più di tre mesi lo hanno conquistato con lusinghe affettuose e, simulando difficoltà economiche, gli hanno spillato oltre 127mila euro che si sono fatte accreditare su un conto corrente nel Paese d’origine. I carabinieri, su segnalazione dei figli dell’uomo, sono intervenuti a farlo rinsavire e hanno denunciato le due donne per truffa continuata in concorso. L’anziano, vedovo, 77 anni, abitante in città, aveva conosciuto le due donne, L.C. di 42 anni, e la figlia A.M. di 22, in un incontro apparentemente casuale. Così invece non era. Secondo quanto emerso dalle indagini dei militari della Compagnia di Bassano del Grappa, comandata dal capitano Adriano Fabio Castellari, le truffatrici avevano adocchiato da tempo quell’uomo solo e benestante e lo avevano avvicinato per farlo cadere nella loro trappola. Belle parole, gesti d’affetto, confidenze al confine tra l’amicizia e la seduzione: le due hanno conquistato la fiducia e la benevolenza dell’anziano. A quel punto sono iniziati i racconti strappalacrime su presunti problemi economici. Il pensionato ormai si fidava di loro e ne ricercava la piacevole compagnia. Ha iniziato a riceverle più volte nella sua abitazione e si è interessato alle loro finte difficoltà abilmente raccontate. Le due donne andavano a trovare spesso la loro vitima. Alla quale la madre avrebbe iniziato a prospettare la possibilità di un rapporto più affettuoso. Per essere completamente libere di ricostruirsi una vita però, le due donne, hanno raccontato, avevano bisogno di soldi per pagare debiti rimasti in sospeso in Romania. Così è iniziata la richiesta di soldi. Il pensionato, convinto della buona fede delle nuove amiche, impietosito dalla situazione e finalmente felice per aver trovato compagnia, si è offerto di buon grado di aiutarle, attingendo ai risparmi personali. E così, dalla tarda estate fino al mese scorso, ha versato periodicamente somme su un conto corrente in Romania intestato alle donne. Alla fine l’esborso è stato di oltre 127mila euro. A quel punto se ne sono accorti alcuni parenti dell’anziano, ai quali inizialmente sarebbe stato taciuto lo sborsare e l’evolversi dell’“amicizia”. Preoccupati, i figli hanno chiesto spiegazioni e hanno immediatamente capito la situazione, chiedendo aiuto ai carabinieri. Gli uomini della stazione di Bassano, comandati dal luogotenente Vito Sitran, hanno avviato e concluso rapidamente le indagini, e bloccando così ulteriori versamenti. Madre e figlia ora dovranno rispondere della pesante accusa di truffa. «E’ particolarmente odioso il crimine di chi approfitta della solitudine e del bisogno di affetto degli anziani», è il commento del capitano Castellari. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1