CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.11.2017

Dopo il furto
i ladri si fanno
la pastasciutta

La pentola con cui i malviventi si sono preparati da mangiare
La pentola con cui i malviventi si sono preparati da mangiare

MASON. Due borsoni, dieci euro in moneta e... un piatto di pasta. È questo il magro bottino degli sconosciuti che nella notte tra sabato e domenica hanno forzato la serratura della segreteria dell’Asd Colceresa agli impianti sportivi di Mason. Probabilmente una bravata di qualche ragazzino o di sbandati, visto che non è stato portato via niente di valore.

Ad accorgersi è stato un dirigente della società che domenica mattina si è recato agli impianti sportivi di Mason per preparare gli spogliatoi in vista del match delle prima squadra nel pomeriggio. Arrivato davanti la porta della segreteria, però, l’ha trovata scassinata con due spranghe di ferro gettate a terra. All’interno, sopra la tavola, le carte rovesciate ma nessun oggetto mancante. Il computer e gli armadi dove è riposto un defibrillatore non sono stati toccati.

Non trovando nulla in segreteria, gli intrusi hanno provato a perlustrare il resto delle strutture usando le chiavi trovate nell’ufficio. In magazzino sono state svuotate due borse piene di maglie, che sono state poi portate via. Qualcosa, invece, è stato trovato al bar dove all’interno della cassa c’erano dieci euro in moneta. Per completare la bravata, però, i ladri si sono cucinati una pasta con le pentole del bar, lasciando tutto da pulire.

Nessuna pista, per ora, su chi possa essere l’autore del tentato furto. L’ipotesi è che possa trattarsi di una bravata. Le telecamere di sorveglianza della vicina piazza di Mason potrebbero aiutare i carabinieri a rintracciare gli autori.

Luca Strapazzon
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1