CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.12.2017

Con il “tesoretto” potenziato lo staff per la propaganda

Un evento proprio sotto il municipio di BassanoIl sindaco Riccardo Poletto
Un evento proprio sotto il municipio di BassanoIl sindaco Riccardo Poletto

Lorenzo Parolin Con il tesoretto in cassa il Comune potenzia lo staff del sindaco. È quanto emerge dal bilancio di previsione del 2018. Un bilancio che fa crescere da 42mila a 90mila euro la somma per le spese di rappresentanza, destinando dunque 50mila euro al settore dei più stretti collaboratori del primo cittadino. Secondo il centrodestra si prepara l’assunzione di due persone destinate ad accompagnare l’ultimo anno e mezzo del mandato di Poletto. Il sindaco, però, spiega che il raddoppio della voce di bilancio è legato ai grandi eventi in programma per il 2018 e alla necessità di supportarli adeguatamente. «Dalle iniziative di Bassano a Città europea dello sport – rileva - alle “Olimpiadi degli Alpini” di giugno, alle commemorazioni per la fine della Grande guerra a novembre, ce n’è a sufficienza per predisporre stanziamenti importanti e il bilancio ce lo permette. La voce “staff”, inoltre, prevede anche eventuali servizi straordinari come l’allestimento di palchi e impianti per manifestazioni. Non escludo la possibilità di fornire un supporto anche al personale, ma per ora siamo solo alle ipotesi». La riserva dovrebbe essere sciolta nei primi giorni del nuovo anno. Nell’attesa l’assessore al bilancio, Angelo Vernilo si lascia andare a qualche dettaglio in più. «Nel paniere – dice – ci sono possibilità diverse. Potremmo appaltare a esterni il servizio di comunicazione, chiedere supporti per il personale, o investire in promozione o, ancora, acquistare strumenti di ultima generazione». Da assunzioni a tempo determinato, in linea con quanto afferma il centrodestra, a contratti con agenzie specializzate o consulenti, l’Amministrazione si riserva di valutare ancora per qualche giorno tutte le possibilità. Ma nel frattempo il Comitato per il Centenario della Grande Guerra, alza la voce e chiede al governo cittadino più risorse. «Siamo nati nel 2007 – spiega uno dei componenti, l’avvocato Giovanni Greco – come espressione ufficiale della città rispetto alle commemorazioni legate al Grappa e alla Prima guerra mondiale. Tutte le amministrazioni comunali dell’ultimo decennio hanno confermato con atti ufficiali il nostro status». Nonostante le delibere dei diversi governi cittadini, oggi la cassa del comitato piange e si attesta attorno ai 3mila euro, pochissimi per gli impegni che si prospettano. «In giugno – evidenzia Greco – cadrà il centenario della battaglia del Solstizio, per il quale è già stata invitata in città una rappresentanza importante del reggimento “Col Moschin”. Saranno più di quattrocento militari da ospitare e accompagnare in Grappa. L’Amministrazione, però, sembra interessata solo alla scadenza di novembre e non ci risulta, per ora, che abbia impegnato somme su giugno». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il Bassanese sta perdendo importanza nelle dinamiche economiche e sociali del Veneto? In quali settori sono necessari gli interventi più urgenti?
ok