CHIUDI
CHIUDI

12.01.2019

Il Consorzio turistico chiude i battenti

Una veduta dell’Altopiano di Asiago. L’assemblea dei soci del Consorzio turistico è fissata per febbraio
Una veduta dell’Altopiano di Asiago. L’assemblea dei soci del Consorzio turistico è fissata per febbraio

Il Consorzio Turistico Asiago 7 Comuni si appresta a chiudere i battenti. Con la messa in liquidazione della società, ci si avvia a porre definitivamente la parole fine all’attività ultraventennale di questo sodalizio nato per occuparsi della promozione turistica dell’Altopiano. Allo scopo è stata convocata l’assemblea straordinaria dei soci fissata per il giorno 11 febbraio, alle 15.30, in prima convocazione e per il 12 febbraio, alla stessa ora, in seconda convocazione. L’appuntamento si terrà nella Sala della Reggenza dell’Unione montana. «Il Consorzio Turistico non ha più ragioni per continuare ad esistere – spiega il presidente Domenico De Guio – già da qualche anno l’attività del sodalizio è bloccata. Quattro anni fa, con la nascita di Asiago Turismo (presieduto da Andrea Braga, ndr) era stato demandato allo stesso l’impegno di occuparsi della promozione turistica del territorio. Il Consorzio Turistico era rimasto in partecipazione ed era stato tenuto in piedi perché, allora, era ancora titolato a ricevere specifici contributi dalla Regione da destinare alle varie attività programmate per promuovere l’immagine turistica dell’Altopiano in Italia e all’estero». Con la riforma delle legge regionale sul turismo attuata nel 2013, questa facoltà è poi venuta meno. «Per continuare a ricevere i fondi, ci si sarebbe dovuti adeguare ai nuovi standard imposti dalla Regione, cosa che però nessuno si è mai preso la briga di espletare» commenta il presidente con un po’ di rammarico. Già quattro anni fa il Consorzio si presentava con una situazione contabile in preoccupante sofferenza. Ora, i debiti, che pare non siano di poco conto, dovranno essere in qualche modo ripianati, prima della chiusura definitiva della società. Impegno decisamente gravoso per i soci e per il consiglio direttivo per il quale si spera di trovare al più presto una via risolutiva che tuttavia non sembra così immediata e facile, essendovi alcune spinose questioni anche, purtroppo, di carattere legale. Il Consorzio Turistico Asiago 7 Comuni è composto da oltre cento soci, operatori turisti dell’Altopiano, il 70 % dei quali opera nel Comune di Asiago, il restante 30% negli altri Comuni altopianesi, specie Roana e Gallio. Con il presidente Domenico De Guio, fanno parte del consiglio direttivo della società Stefano Fracaro, vice presidente, Franco Paganin, Alex Palano, Andrea Braga, consiglieri, e i sindaci dei Comuni di Asiago, Roana e Gallio. Dalla sua nascita fino al 2013, operando a regime per circa una ventina d’anni, attraverso la propria attività, il Consorzio Turistico è riuscito a portare sul territorio oltre due milioni e mezzo di contributi corrispondenti al finanziamento al 50 % da parte della Regione di varie attività di promozione turistica tra cui fiere, workshop, campagne pubblicitarie, programmi televisivi, sponsorizzazioni di grandi eventi, diffusione di materiale pubblicitario ed altre iniziative per far conoscere il territorio in Italia e all’estero. •

Stefania Longhini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Oltre al turismo quale potrebbe essere la chiave per lo sviluppo dell’Altopiano?
ok