CHIUDI
CHIUDI

11.01.2019

Granfondo di mtb, vetrina tricolore

Una veduta di un tratto del percorso della prima Marathon dell’Altopiano  Il pluricampione Walter Costa
Una veduta di un tratto del percorso della prima Marathon dell’Altopiano Il pluricampione Walter Costa

Il grande sport a due ruote ritorna a Gallio il 29 settembre con la Marathon dell’Altopiano, granfondo di mountain bike che andrà ad arricchire il calendario mtb nazionale quest’anno. L’accordo è stato sottoscritto tra il comitato organizzatore “Cortina Experience”, il main sponsor Latterie Vicentine e l’Amministrazione comunale galliese che creerà un grande spettacolo di sport ma anche turistico con un corollario di eventi attorno alla maratona ciclistico numerosi eventi collaterali fin dalle settimane precedenti alla gara per creare quell’atmosfera di attesa e di allegria che lo sport sa regalare anche al pubblico. «Ad oggi sono già iscritti 500 atleti, ovvero un terzo del tetto massimo fissato di 1500 – illustra Federico Casalini, presidente dell’asd Cortina Experience – come prima edizione siamo già stati inseriti nel campionato regionale Veneto Marathon, cosa senza precedenti e indice del buon lavoro fatto e della convinzione fin dall’inizio del Comune e del direttore commerciale di Latterie Vicentine Piero Cerato. Siamo solo all’inizio - prosegue - Questa gara ha tutto le carte in ordine per diventare un punto di riferimento; si è anche creata una gara combinata con la Cortina Trophy detta “Combinata delle Rocce” che sta destando molto interesse». «La manifestazione – conferma il consigliere delegato alle manifestazioni turistiche, Denis Lunardi – non sarà solo un giorno di gara. L’idea è quello di creare un vero e proprio evento promozionale e turistico. Già dai giorni precedenti saranno promosse diverse iniziative, dalle giornate dedicate allo sport, al divertimento outdoor e all’esposizione di materiali tecnici legati al mondo mtb da marchi come Continental, fi’zi:k, Kask e Crank Brothers. Tutto ciò farà chiaramente da cornice all’evento principale». «La mountain bike è un mezzo ideale per scoprire la natura e il territorio altopianese è tra i più adatti allle mtb – aggiunge– Tanto più con la crescita delle mtb assistite, Gallio e l’Altopiano devono promuovere i tanti itinerari che permettono di raggiungere luoghi bellissimi. L’mtb competitivo è il vettore migliore per far riscoprire questo patrimonio». È dal 2015, ovvero dall’annullamento della Granfondo dei Cimbri, che l’Altopiano non è più stato sede di una gara importante di mountain bike. Quello di riproporre un gara di mtb di livello nazionale è una scommessa perché l’mtb non ha attraversato un periodo facile con cali importanti nelle competizioni. È però proprio questa condizione di “recessione” che ha spinto Gallio a voler essere protagonista, come lo fu con la Granfondo dei Cimbri, del rilancio delle gare di mountain bike. La gara stessa propone due percorsi. Il “Marathon dell’Altopiano”, costituito da un percorso di 73 km e con 2.380 m di dislivello positivo, a cui si aggiungerà una granfondo classica da 45 km e 1.410 m dislivello positivo. Entrambi i percorsi sono stati studiati e sviluppati in collaborazione con il pluricampione di mtb Walter Costa, altopianese puro sangue e quindi profondo conoscitore del territorio oltre che grande esperto di mountain bike. Non mancherà la solidarietà. Per ogni iscrizione alla Marathon dell’Altopiano verranno devoluti 2 euro all’Amministrazione comunale ed inoltre, in fase d’iscrizione, ogni biker potrà decidere di donare volontariamente ulteriori 2 euro che saranno destinati alle attività di ripristino boschivo. Inoltre per ogni iscrizione sarà devoluto un contributo all’associazione “Nuova Famiglia” per sostenere i vari progetti nelle 44 missioni operanti tra Brasile, Etiopia, Guinea e Tanzania. •

Gerardo Rigoni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Oltre al turismo quale potrebbe essere la chiave per lo sviluppo dell’Altopiano?
ok