CHIUDI
CHIUDI

10.01.2019

Dal Brasile con amore, nozze a Lusiana

I brasiliani Felipe Soster e Simone Nunes all’altare a S. Caterina, terra d’origine dei loro avi La chiesa di San Giacomo dove sono state celebrate le nozze
I brasiliani Felipe Soster e Simone Nunes all’altare a S. Caterina, terra d’origine dei loro avi La chiesa di San Giacomo dove sono state celebrate le nozze

Dal Brasile a Lusiana per convolare, nel vero senso del termine, a nozze. Belli, innamorati e profondamente legati alla terra d’origine delle loro famiglie, hanno deciso di rendere il loro matrimonio e il loro viaggio di nozze speciali ed indimenticabili. Sabato, nella chiesa arcipretale di San Giacomo di Lusiana, Simone Nunes e Felipe Soster si sono giurati amore eterno davanti al parroco don Sante Varotto, al reverendo Julio Gottardo Soster, arrivato con loro dal Sudamerica, ai loro familiari e ad un piccolo gruppo di lontani parenti lusianesi, tutti di cognome Soster, come il concelebrante e lo sposo. Lo sposo, imprenditore, e la sposa, pubblicitaria, hanno così risposto al forte richiamo ancestrale proveniente dalle radici comuni, mai recise nonostante la lontananza, che affondano nella terra dei loro avi. La vallata di Santa Caterina di Lusiana è infatti il luogo da dove, agli albori del Novecento, il bisnonno di Felipe, Domenico, nato nel 1881 proprio nella casa Soster situata nella frazione, partì come tanti altopianesi e vicentini per cercare fortuna al di là dell’oceano. Si stabilì a Floriannopolis, nello stato brasiliano di Santa Catarina, dove oggi Simone e Felipe vivono con le loro famiglie. Anche la famiglia di Simone, da parte di madre, sembra abbia le sue origini nel territorio lusianese. Prima di giungere a Lusiana per pronunciare il fatidico sì, gli sposi hanno fatto la prima parte del loro viaggio di nozze girando l’Europa: Parigi, Londra e una crociera sul Mediterraneo. Simone e Felipe sono arrivati in Altopiano il primo gennaio ed hanno soggiornato all’hotel Ristorante La Bocchetta di Conco, dove poi è stato organizzato anche il pranzo di nozze. «Sono delle bellissime persone – racconta la titolare dell’hotel ristorante di COnco Lara Dalle Ave – non è stato semplicissimo comunicare anche perché parlano portoghese e non spiccicano una parola di italiano». «Si è però creata tra noi una bella intesa - continua l’albergatrice - , tanto che quando sono andati via, domenica 6 gennaio, sembrava se ne andasse qualcuno di famiglia. Simone in particolare è dolcissima e molto semplice». I loro familiari sono partiti lunedì 7 per rientrare in Brasile, mentre gli sposi hanno continuato il loro viaggio di nozze con tappe a Cortina, Firenze e Roma. Tutto deve essere stato decisamente emozionante e ricco di poesia, anche i preparativi. «Hanno fatto quasi tutto via telefono – prosegue Lara Dalle Ave – hanno contattato noi per il soggiorno e il pranzo di nozze e anche il parroco per predisporre tutto. Noi poi abbiamo provveduto a trovato la parrucchiera che ha pettinato Simone prima della cerimonia e abbiamo stirato il suo vestito che lei si era portata da casa». Il matrimonio ha destato naturalmente grande curiosità in paese. «Ho avuto il piacere di scambiare qualche parola con la sposa che ho incontrato dalla parrucchiera dove avevo accompagnato mia moglie. – racconta il lusianese Adriano Pozza – Una donna bellissima, di rara eleganza, ne sono rimasto affascinato. Le ho chiesto come mai fosse venuta a sposarsi a Lusiana- conclude il lusianaese - e mi ha risposto “porque es muy linda”». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Stefania Longhini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Oltre al turismo quale potrebbe essere la chiave per lo sviluppo dell’Altopiano?
ok