CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.09.2017

Brigata Sassari, eroi mai dimenticati

La cerimonia svoltasi dieci anni fa alla presenza dei  sindaci della SardegnaL’alzabandiera dei militari della brigata Sassari
La cerimonia svoltasi dieci anni fa alla presenza dei sindaci della SardegnaL’alzabandiera dei militari della brigata Sassari

La Sardegna ritorna in Altopiano per commemorare i suoi figli caduti durante la Grande Guerra. In occasione del centenario della battaglia dell'Ortigara che vedeva la Brigata Sassari posizionata sulle pendici del monte Zebio circa 120 sindaci di altrettanti Comuni sardi arriveranno in Altopiano per celebrare i loro eroi.

Da tempo i Comuni di Asiago e Foza hanno suggellato un gemellaggio con i Comuni sardi di Tempio Pausania, Sinnai e Amurgia. Un gemellaggio che ha portato già nel 2007 al restauro del cimitero della Brigata Sassari posto in località casara Zebio ad Asiago e la donazione di quel fazzoletto di terra alla Sardegna. Evento sancito con una grande cerimonia con la presenza di 130 sindaci sardi e la Brigata Sassari al completo.

Ora a distanza di 10 anni da quella cerimonia, da venerdì a lunedì, la Sardegna sale nuovamente in Altopiano per commemorare i 100 anni dei fatti d'armi che hanno visto i giovani sassarini tra i protagonisti dell'offensiva italiana del 1917.

Centoventidue sindaci, il presidente della Sardegna Francesco Pigliaru e il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi saranno presenti non solo per commemorare ma anche per illustrare i prossimi progetti di sviluppo culturale e turistico tra cui il recupero e il riordino, in un'area museale all'aperto, di quelle che furono le strutture belliche e logistiche nelle quali vissero i “diavoli rossi” durante l'anno di permanenza sull'Altopiano e dove hanno lasciato 900 caduti.

«Il progetto prevede la posa di un monumento a ricordo dei medagliati della Sassari – spiega il sindaco di Asiago Roberto Rigoni Stern – ma anche il prosieguo del recupero di un secondo cimitero rinvenuto a poca distanza dal primo. In primavera poi si avvierà un piano di manutenzione straordinaria del cimitero di casara Zebio con sistemazione dell'area cimiteriale e il ripristino delle croci commemorative dei 218 sassarini».

L'evento parte venerdì alle 16.30 con l'alzabandiera del drappo della Sardegna e la deposizione di corone d'alloro al monumento dedicato alla Brigata nel parco della Rimembranza ad Asiago.

Seguiranno l'onore ai Caduti alla loggia del Municipio e alle 17 l'incontro tra consiglio comunale di Asiago con i sindaci sardi.

Sabato alle 10.30 al cimitero della Sassari sul monte Zebio si terrà la commemorazione del centenario delle battaglie con l'appello dei 218 caduti sepolti nel cimitero, cui seguirà la messa cantata con coro sardo e discorsi ufficiali. Sabato alle 17.30 al teatro Millepini si svolgerà uno spettacolo musicale sulla Grande Guerra.

Domenica alle 9 sindaci e autorità si raduneranno davanti al municipio di Asiago per poi sfilare verso il Sacrario militare dove si terrà la messa e l'onore ai sei Caduti della Sassari decorati con Medaglia d'lro al valore militare. Alle 17.30 al teatro Millepini si svolgerà una conferenza storica dove saranno anche illustrati i prossimi progetti d recupero dei siti storici legati alla Brigata Sassari presenti in Altopiano.

Lunedì i sindaci di Tempio Puasania, Sinnai e Amurgia si porteranno a Foza dove alle 10.30 deporranno una corona d'alloro al sacello ai Caduti del Pubel per poi incontrarsi con il consiglio comunale di Foza ed esporre il progetto del museo all'aperto da realizzare alle Melette di Foza.

In conclusione alle 11 i sindaci visiteranno Seletta Stringa dove i soldati sardi si erano contraddistinti ancora una volta durante la battaglia delle Melette e dove la bandiera di guerra della Brigata ricevette la sua prima Medaglia d'oro al valore militare.

Gerardo Rigoni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1