CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

08.11.2018

Azienda trevigiana regala bosco
da duemila alberi ad Asiago

È già iniziato l'esbosco delle piante danneggiate
È già iniziato l'esbosco delle piante danneggiate

TREVISO. «Duemila alberi da cui ripartire». È il prossimo impegno di Ascotrade per i territori distrutti dal maltempo. Lo ha annunciato Stefano Busolin, presidente dell'azienda trevigiana, in occasione del suo intervento a Ecomondo di Rimini. Un'iniziativa che rientra nel più ampio progetto di riqualificazione denominato Fabbrica dell'Aria che prevede la piantumazione di alberi donati da Ascotrade in diverse città di Veneto e Friuli Venezia Giulia. Il progetto prevedeva, nelle prossime settimane, l'avvio della piantumazione di 4 mila nuovi alberi: mille a Morgano, mille a Treviso e 2 mila a Vicenza. Gli eventi di questi giorni hanno però convinto Ascotrade a spostare la propria attenzione verso i comuni più disagiati e così le piante inizialmente destinate a Vicenza saranno inviate sull'Altopiano: il nuovo bosco troverà dimora ad Asiago.

 

«Nei prossimi giorni, insieme ai tecnici - ha proseguito Busolin - andremo a identificare le essenze più adatte e la zona in cui avviare la piantumazione. Gli alberi rappresenteranno il nostro sostegno concreto per la tutela dei territori in cui operiamo. Perché Ascotrade è un'azienda commerciale il cui scopo primario è fare business ma è anche una realtà che risponde ad enti e pubbliche amministrazioni, il cui utile viene redistribuito tra i comuni e reinvestito in opere a favore della comunità. Inoltre la prossima settimana il nostro Cda si riunirà appositamente per deliberare l'importo che andremo a versare nel conto corrente attivato da Regione Veneto a favore dei comuni in difficoltà». 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Oltre al turismo quale potrebbe essere la chiave per lo sviluppo dell’Altopiano?
ok