CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.04.2015

Veleni, chiesti i danni
per i pozzi alla Miteni

Sede della Miteni a Trissino. I sindaci chiedono all'azienda di pagare le spese per le indagini Pfas. CARIOLATO
Sede della Miteni a Trissino. I sindaci chiedono all'azienda di pagare le spese per le indagini Pfas. CARIOLATO
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

Il Consiglio di Bacino dei 13 comuni serviti da Acque del Chiampo e Medio Chiampo chiederà il risarcimento del danno ambientale alla Miteni Spa di Trissino per la contaminazione da Pfas, le sostanze perfluoro alchiliche presenti nei pozzi privati, ormai diffusa in un'area che ha raggiunto i 180 chilometri e interessa 29 comuni veneti di cui venti vicentini. Ma che, è bene ribadire, oggi non interessa in alcun modo la rete idrica e la qualità dell'acqua che sgorga dai rubinetti delle case dei cittadini. «Da parte della Miteni Spa c'è la volontà già espressa di una compartecipazione alle spese sui correttivi attuati e che dovranno essere presi per sanare la contaminazione da Pfas. Ci confronteremo molto presto sulle modalità di rimborso» spiega il presidente del Consiglio di Bacino, Giorgio Gentilin.
Serviranno, infatti, 11 milioni di euro per prolungare la rete acquedottistica del Veneto ed eliminare così il problema dei pozzi privati dell'intera regione, senza gravare sulle bollette pagate dai cittadini. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola

Luisa Dissegna
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1