CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

06.12.2017

Pizza e cocaina
ai clienti: 28enne
finisce in manette

Droga e fucile illegale: per il barista è scattato l'arresto
Droga e fucile illegale: per il barista è scattato l'arresto

ARZIGNANO. Spaccio di coca in una pizzeria di Arzignano: scatta l'arresto. I carabinieri della compagnia di Valdagno hanno bloccato Fiorenzo Milo, 28enne originario della provincia di Napoli, ma da anni residente nella Vallata dell’Agno. Le indagini sono scattate dopo che i militari sono venuti a conoscenza che alcuni clienti di Valdagno e Trissino, ma anche della Vallata del Chiampo, andavano nel suo locale non solo per la pizza ma anche per comprare droga.

Ieri sera i carabinieri si sono appostati in modo tale da seguire i movimenti del sospettato che, contrariamente a quanto faceva di solito, ha percorso in auto strade secondarie e poco trafficate, probabilmente per evitare controlli. È stato dunque fermato e controllato: sotto il sedile del passeggero c'era un sacchetto contenente circa 10,5 grammi di cocaina, ancora in “sasso” e quindi da tagliare per la successiva vendita, oltre a vari ritagli di cellophane pronti per il confezionamento delle dosi. Le perquisizioni, eseguite sia in casa che nel locale, hanno poi permesso di trovare anche un bilancino di precisione, nonché una doppietta di fabbricazione artigianale illecitamente detenuta, con oltre 100 cartucce da caccia e una ventina di cartucce cal. 38 special.

Il 28enne è stato arrestato per i reati di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e per la illecita detenzione dell’arma e delle munizioni. Al termine del processo per direttissima, questa mattina, il giudice lo ha condannato alla pena di un anno e due mesi di reclusione, nonché al pagamento della multa pari a 2.400 euro, con il beneficio della sospensione condizionale della pena.

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1