CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.06.2018

Scoppia un incendio nella ditta di pellami

La colonna di fumo I vigili del fuoco e i carabinieri sul luogo dell’incendio. FOTO ZORZAN
La colonna di fumo I vigili del fuoco e i carabinieri sul luogo dell’incendio. FOTO ZORZAN

Un’altissima colonna di fumo nero e denso visibile a centinaia di metri di distanza: attimi di paura ieri sera, in via 4 novembre, dove i vigili del fuoco sono intervenuti per spegnere un incendio scoppiato all’interno dello stabilimento della ditta Fratelli Zordan slr, trasferitasi da poco in questa sede. Un rogo che ha provocato danni alla struttura ma fortunatamente nessun ferito perché allo sprigionarsi delle fiamme l’azienda era già chiusa. Tutto è iniziato intorno alle 20, quando il comando dei vigili del fuoco di Vicenza ha ricevuto la segnalazione che ha fatto scattare l’intervento. Secondo quanto è stato possibile ricostruire, all’origine delle fiamme ci sarebbe un guasto o un corto circuito che ha interessato un macchinario per l’essiccatura dei pellami, dal quale poi si è propagato il fumo. L’incendio ha contribuito ad alzare la temperatura all’interno dei locali della ditta fino allo scoppio dei vetri che ha permesso di decomprimere l’aria. Sul posto sono intervenute sei squadre di pompieri, due da Vicenza, due da Arzignano e Lonigo e due di volontari da Thiene, oltre che i carabinieri di Valdagno. L’intervento è durato oltre due ore, durante le quali è stato anche necessario mettere in sicurezza una bombola di ossiacetilene, raffreddandola per scongiurare eventuali scoppi. Il fumo che si è alzato dall’edificio ha preoccupato anche il sindaco di Montorso, Antonio Tonello, che ha raggiunto la sede dell’azienda durante le operazioni di spegnimento. Presente anche il personale dell’Arpav che si è occupato di osservare il monitoraggio dell’aria. © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1