CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.08.2017

Un corteo contro
i tagli delle piante
Arriva la polizia

Gli alberi di via Div. Julia che dovranno essere abbattuti. MASSIGNAN
Gli alberi di via Div. Julia che dovranno essere abbattuti. MASSIGNAN

Infiamma la polemica nell’imminenza del taglio delle cinquanta piante disposto dall’Amministrazione comunale di Gambellara a partire da oggi in via Divisione Julia e in via Don Vignato.

Da una parte, c’è il gruppo di cittadini che nella serata di venerdì si è riunita al parco San Marco per la raccolta delle firme per chiedere il rinvio dell’estirpazione degli alberi e l’indizione di un’assemblea pubblica per discutere sull’opportunità dell’iniziativa, adottata dal Comune in via d’urgenza.

Dall’altra, il sindaco Michele Poli, che difende la bontà del provvedimento e ribatte alla capogruppo di minoranza, ed ex primo cittadino, Michela Doro, che appoggia invece la protesta dei residenti delle vie in questione.

E il primo atto di questa querelle, la riunione al parco San Marco, si è conclusa con un centinaio di presenti e l’intervento dei carabinieri e della polizia locale che non ha permesso lo svolgersi del corteo, in mancanza della prescritta comunicazione alla questura.

«Chiediamo al sindaco di aspettare a tagliare gli alberi per svolgere un dibattito adeguato sull’opportunità di questi tagli, almeno fino a dopo la Festa dell’Uva, in modo che ci sia una decisione serena sull’argomento - spiega Maurizio Gioco, portavoce del gruppo di cittadini e in passato assessore all’ambiente con il sindaco Luigi Zonin -. Vogliamo arrivare a comprendere bene i motivi che hanno portato alla necessità e all’urgenza di questi. Devo aggiungere poi che lascia perplessi il periodo ferragostano e la velocità con cui sono stati previsti».

«Condividiamo e appoggiamo la protesta spontanea dei cittadini - afferma il capogruppo di “Viviamo Gambellara”, Doro, che ha depositato in municipio una richiesta di rinvio del taglio -. Vogliamo che una decisione così grave come tagliare tutte quelle piante sia prima di tutto frutto di una scelta ben ponderata attraverso il coinvolgimento dei cittadini in un’assemblea pubblica».

Continua: «Tutta questa urgenza per conto nostro non sussiste, per cui riteniamo che occorra prendersi del tempo per riflettere se questa iniziativa serva davvero, visto che lascia perplesse diverse persone».

Alle perplessità dei cittadini e della minoranza capitana dalla predecessora risponde il sindaco Poli.

«L’esigenza è reale e l’urgenza c’è tutta perché si vuole dare ordine al paese e togliere di mezzo il prima possibile alcune attuali situazioni di pericolosità, per cui lunedì cominceranno i tagli – replica il primo cittadino -. In via Julia, sono trentadue le piante che sono in mezzo al marciapiede e coi lampioni a rendono il passaggio fortemente ostacolato».

«In via Don Vignato invece il selciato è sconnesso per le radici dei diciannove pini ed è impedito un transito sicuro. Tutti i tagli sono stati decisi dopo un consulto tecnico che ha valutato le diverse soluzioni ma gli alberi andranno sostituiti con altri di un’essenza autoctona».

« Sono cose già dette in campagna elettorale e sul notiziario comunale, chi dice cose diverse fa disinformazione, allarmismo e terrorismo».

Matteo Guarda
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1