CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

15.07.2017

Stop agli sprechi
di acqua potabile
Sanzioni in arrivo

Stop agli sprechi d’acqua
Stop agli sprechi d’acqua

Stop agli sprechi d’acqua a Gambellara, pugno di ferro dell’amministrazione comunale.

È stata emessa un’apposita ordinanza che mira propri a limitare, in questa stagione secca, l’errato utilizzo del prezioso liquido. E per i trasgressori sono previste sanzioni pecuniarie.

Il sindaco, Michele Poli, l’altro giorno, ha firmato il provvedimento per limitare il consumo dell’acqua potabile nel territorio comunale durante il periodo estivo. Fino alla sua revoca, dalla mattina alle 7 alla sera alle 22 non sarà dunque più possibile utilizzare l’acqua proveniente dalla rete dell’acquedotto pubblico per scopi che non siano quelli domestici e, in particolare, sarà vietato annaffiare gli orti, i prati o anche il lavaggio dell’automobile.

Nel caso in cui l’innaffiamento avvenga mediante impianti automatici, questi dovranno essere utilizzati in modo da evitare inutili sprechi di acqua.

Restano invece consentiti i prelievi di acqua dalla rete idrica esclusivamente per i normali usi domestici, di tipo zootecnico e per le attività che sono state regolarmente autorizzate e per cui l’utilizzo dell’acqua potabile si rende necessario.

Le violazioni alle disposizioni contenute nell’ordinanza sul razionale e corretto uso dell’acqua verranno punite con l’applicazione della sanzione amministrativa di tipo pecuniario che va dai 25 euro del minimo ai 500 euro del massimo.

Se l’obiettivo dell’amministrazione è quello di mettere un freno agli sprechi d’acqua, mirare al portafoglio dei trasgressori potrebbe essere la strategia per assicurarsi una razionalizzazione. M.G.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1