CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

29.08.2017

Proteste senza esito
Via all’abbattimento
di cinquanta alberi

Iniziato l’abbattimento. GUARDA
Iniziato l’abbattimento. GUARDA

È cominciato ieri alle 9 il taglio delle piante previsto dall’amministrazione comunale di Gambellara. Provvedimento che aveva suscitato la protesta di un gruppo di cittadini e della minoranza di “Vivere Gambellara”, capitanata dall’ex sindaco Michela Doro, che chiedevano il rinvio del taglio e un’assemblea pubblica. Ieri mattina sono state presentate anche le firme, circa un centinaio, raccolte venerdì sera alla riunione al parco San Marco. I primi tronchi abbattuti sono stati quelli della ventina di pini marittimi di via Don Vignato, nelle vicinanze del cimitero. Domani le motoseghe si sposteranno in via Divisione Julia, dove taglieranno una trentina di altre piante. La conclusione dei lavori è prevista entro venerdì. Il programma è iniziato in maniera regolare, con una pattuglia di carabinieri a vigilare sull’ordinata esecuzione. L’unica tensione si è registrata in municipio, al momento di consegnare le firme, tra il sindaco Poli e alcuni dei promotori. «Ho ribadito loro che i tagli sono dovuti al rischio per l’incolumità dei cittadini, per cui andavano fatti - spiega il sindaco Poli -. Si tratta di una soluzione adottata dopo aver consultato esperti del settore agronomo e forestale che hanno fornito un’attenta relazione. Dato che questa specifica il rischio medio-alto di caduta dei pini sono stato tenuto ad attuarla. Invece per via Julia si tratta mettere a posto una complicata disposizione di fusti e lampioni che impedisce a chi ha problemi di deambulazione di passare. Entro fine anno al posto delle piante in via Vignato pianteremo dei bagolari». M.G.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1