CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

06.12.2017

Piazza da rifare I lavori slittano al prossimo anno

Restyling in vista nel 2018 per la piazza di Gambellara. ARCHIVIO
Restyling in vista nel 2018 per la piazza di Gambellara. ARCHIVIO

L’Amministrazione comunale di Gambellara ripensa ai lavori di piazza Giovanni Paolo XXIII. L’intervento che avrebbe dovuto partire in questi giorni e concludersi entro l’anno sarà realizzato nei primi mesi del 2018 e non riguarderà più solo la sostituzione del cordoli di marmo. Sarà rifatta invece l’intera piazza realizzata una quarantina di anni fa, dove affaccia il municipio e si svolgono il mercato settimanale il sabato mattina e le più importanti manifestazioni come la Festa dell’Uva. «Inizialmente - spiega il sindaco, Michele Poli - stavamo lavorando su un progetto che prevedeva solamente la sostituzione delle cornici intorno la piazza, ormai deteriorate. Ma per permettere ai nuovi marmi di avere una maggiore durata, occorre intervenire anche sui sampietrini di porfido all’interno della piazza. Questi, avendo una base di sola sabbia e non di cemento, non si sono rivelati stabili sotto il peso delle auto e avrebbero perciò fatto ancora pressione sui cordoli provocando di nuovo e in poco tempo la rottura di quelli che avremmo sostituito». Il Comune ha così trovato una diversa soluzione. «Abbiamo quindi ritenuto opportuno - aggiunge Poli - approfondire il progetto che è diventato di rifacimento complessivo della piazza, prevedendo il lavoro di ricollocazione dei sampietrini su una base più stabile. Per questo i lavori saranno eseguiti a primavera 2018». L’esborso per il Comune non sarà tuttavia rilevante, poco oltre i 10 mila euro. «I marmi - precisa il sindaco - ci sono stati donati da una ditta, poi riutilizzeremo gli stessi sampietrini che verranno tolti e puliti assieme al fondo, stabilizzato con cemento. Si tratta soltanto di più manodopera». • M.G. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1